Invito alla Crescita Spirituale

INVITO ALLA CRESCITA SPIRITUALE

Anna Maria Peselli

 

Introduzione:

 Una vita cristiana adulta: 

Su questo argomento c’è molto da dire, ma è difficile spiegarlo a voi, perché siete diventati duri a capire. Ornai dovreste già essere maestri, invece, ancora avete bisogno di qualcuno che vi insegni le cose fondamentali del messaggio di Dio. Vi dovete nutrire ancora di latte, invece che di cibo solido. Ma chi si nutre di latte è ancora un bambino, e non sa capire un discorso su ciò che è giusto. Il nutrimento solido, invece, è per le persone adulte: per quelli che con l’esperienza si sono allenati a distinguere il bene e il male.

Perciò lasciamo da parte gli insegnamenti più semplici su Cristo, e passiamo ad un insegnamento più profondo. Non vogliamo riprendere gli insegnamenti fondamentali, e cioè: la necessità di cambiare vita abbandonando le opere morte; la fede in Dio; la dottrina dei battesimi; l’imposizione delle mani.... ANDIAMO AVANTI! Se è volontà di Dio, faremo. così.” (Ebrei 5,11—14; 6, 1-3).

 

ESIGENZA DI CRESCITA SPIRITUALE: 

Il Rinnovamento nello Spirito e le basi della vita cristiana 

Quando abbiamo ricevuto l’effusione (o Battesimo) dello Spirito Santo siamo diventati più consapevoli di alcuni punti fondamentali del cristianesimo quali: l’amore di Dio per l’uomo e i Suoi desideri per lui; il nostro stato di peccato, che ci rende impossibile il contatto diretto col nostro Creatore e l’adesione ai Suoi piani per noi; il fatto stupendo che Dio aveva già progettato un rimedio sin da “prima della creazione del mondo” (Ef 1,4): ci ha mandato Gesù, che ha sconfitto il nostro nemico mortale e ci ha rimessi nella giusta relazione con Dio. 

Durante il Seminario di Vita nello Spirito abbiamo anche avuto modo di esaminare la situazione disastrosa in cui si trova oggi il mondo: guerre, povertà, rivolte e ribellioni, conflitti razziali, sfruttamento, droga, epidemie sociali, ecc., ed abbiamo constatato come questi problemi siano umanamente irrisolvibili.

No, non possono essere la conseguenza di errori solo umani, perché manifestano una potenza malvagia che opera nel mondo in opposizione ai disegni di Dio: Satana e i suoi angeli ribelli. 

L’uomo,  con le sole proprie forze, non avrebbe mai potuto sconfiggere un tale nemico,  perché nello stato dl ribellione in cui si trovava non ne avrebbe avuta la capacità né la forza.

MA DIO.... ha mandato Gesù. 

Egli ha pagato con la propria vita innocente il nostro peccato di ribellione, rivestendo la Sua natura divina di carne umana - in tutto simile a noi fuorché nel peccato - e scendendo a vivere sul nostro pianeta in un momento ben preciso del tempo e della storia. Ha spaccato in due la storia umana ed ha vissuto, uomo tra gli uomini, una Vita di disagio e di difficoltà che sarebbe culminata con la morte sulla croce: la più ignobile delle morti per la più nobile delle creature mai esistite, un DIO FATTO UOMO. 

Ma era proprio quello il piano di Dio, e l’apparente sconfitta della Sua vita è risultata nel trionfo più grande contro il male dell’intera umanità, poiché Gesù ha sconfitto  colui che del male è l’autore, Satana, e ha dato a ciascun essere umano che voglia seguire la Sua VIA a la Sua VERITÀ di vivere la Sua VITA: una vita nella potenza dello Stesso Dio. 

Lo Spirito Santo e la Sua opera - Dopo la risurrezione dai morti Gesù è salito al cielo, e ora siede alla destra del Padre. Ma  non ci ha lasciati soli: 

Io vi assicuro che per voi è meglio che Io Me ne vada, perché se non Me ne vado non verrà da voi lo Spirito che vi difende. Invece se Io me ne vado, ve lo manderò” (Gv 16,7). 

Cinquanta giorni dopo l’Ascensione di Gesù, lo Spirito Santo fece la Sua prima irruzione  tra gli uomini in quel Cenacolo benedetto che accoglieva gli spaventati discepoli, con Maria  tra loro...  E tutti conosciamo l’avvenimento narrato in Atti 2. 

Fu l’inizio dì una nuova era: la potenza di Dio che ha animato e caratterizzato la vita di Gesù e che si era manifestata in opere soprannaturali come guarigioni, segni, miracoli, discernimento,  intuizioni profonde dell’animo umano - oltre che nella vittoria sul nemico e sulle sue opere e influenze - ora veniva messa a disposizione di tutti coloro che avrebbero seguito con fedeltà le Sue orme, il Suo cammino. 

Profezia, guarigione, liberazione dagli spiriti cattivi, parole di scienza e di sa­pienza, parlare in lingue sconosciute, discernimento... questi e altri doni carismatici che avevano animato la vita di Gesù e che Gli avevano conquistato tanti seguaci, sono diventati opere che Egli può CONTINUARE A COMPIERE NEL MONDO attraverso coloro che decidono di accettarLo alle Sue condizioni e di seguire il Suo esempio e i Suoi insegnamenti. È la via indicata nel Vangelo e nelle lettere apostoliche, che rispecchiano la prima esperienza dell’opera e del ruolo dello Spirito Santo nella vita del Corpo di Cristo, la Chiesa, qui intesa come popolo di Dio. 

Siamo chiamati a vivere nell’obbedienza a Dio, ad arrenderci alla guida dello Spiri­to Santo, proprio come fece Gesù mentre era tra noi. Siamo chiamati a collaborare con Dio nella formazione del Suo Regno.

 

UNO SGUARDO PANORAMICO AL RINNOVAMENTO: 

Un programma coraggioso 

Chiesa e Rinnovamento - Da quando nel 1975 la Chiesa Cattolica, per prima nel mondo tra le chiese istituzionali, accettò  ufficialmente il Rinnovamento Carismatico incoraggiando i partecipanti a proseguire il coraggioso cammino intrapreso, vi sono stati sviluppi incredibili. 

Dalla rivista Pastoral Renewal del Maggio 1987, nell’articolo di Vincent Synan si affermava che i carismatici cattolici erano circa 43 milioni, mentre i carismatici di tutte le confessioni cristiane messe insieme, cattolici inclusi, nel 1982 erano 168.800.000; quindi  i carismatici non cattolici ammontavano a 125.800.000 (David Barrett “World Christian Enciclopedia, London, Oxford Uni­versity Press, 1982). Considerando che dalla stessa indagine, su una popolazione mondiale di 5 miliardi risultava che i cristiani, inclusi quelli nominali, erano 1.548 milioni, la cifra di 168 milioni di carismatici costituiva una percentuale di oltre il 10%  dell’intera popolazione  cristiana, e si prevedeva che per il 2.000 avrebbe raggiunto il 20%. Ma sono dati che risalgono al 1982.

Oggi, nel 2003, sappiamo che questa “corrente di grazia”  fino ad ora si è diffusa fra 120 milioni di cattolici e 600 milioni di fedeli di altre chiese e comunità cristiane. In pratica, quindi, ha superato di molto le più rosee previsioni raggiungendo, con 720 milioni complessivi, il 35,78% dei cristiani del mondo (2.015.743.000, nel 2.000), in pratica più del doppio della crescita prevista del 10%.  

Ma qui dobbiamo rilevare che proprio noi cattolici contribuiamo notevolmente ad abbassare la percentuale dei carismatici.  Ecco qui i dettagli di questa constatazione: 

Popolazione mondiale nel 2.000                6.091.351.000  - (Gennaio 2003: 6.307.700)

Popolazione cristiana                              2.015.743.000 – 33,09%

Popolazione non cristiana                         4.075.608.000 – 66,91%

Cristiani

Totale 2000

Carismatici

% carismatici

 Incidenza mondiale

Cattolici

1.053.104.000

120.000.000

11,40%

17,17%

Altre denominazioni

962.639.000

600.000.000

62,33%

15,92%

Totale Cristiani nel mondo

2.015.743.000

720.000.000

35,78%

33,09%

Altre Religioni

 

   

 

Musulmani

1.215.693.000

   

19,96%

Tutte le altre

2.859.915.000

   

46,95%

Atei

151.430.000

   

0,15%

(Tutti questi dati sono prelevati da: David B. Barrett, Status of Global Mission 1997, in the Context of 20th and 21st Centuries, in International Bulletin of Missionary Research n. 1, Gennaio 1997, p. 25).  

Dio infatti ha preso altre iniziative, e intere popolazioni in Asia e in Africa si stanno convertendo al Cristianesimo senza l’opera di missionari specifici. Intanto, tra gli appartenenti al movimento è sorta l’esigenza di evangelizzare il mondo intero, e questo in risposta al Suo volere di fare della terra il Suo Regno. 

Negli anni passati il Movimento Carismatico Cattolico aveva sviluppato l’ufficio di “NUOVA EVANGELIZZAZIONE 2000”, tuttora attivo. Il loro obiettivo era di evangelizzare l’intero globo terrestre per il 2000, ed offrire così a Dio un mondo più evangelizzato. Sono state aperte molte scuole di evangelizzazione in tutto il mondo, con tanti corsi per laici, che potranno poi dedicare parte della loro vita ad evangelizzare i fratelli. 

Infatti il comando: “Andate, fate diventare Miei discepoli tutti gli uomini della terra … e insegnate loro ad ubbidire a tutto ciò che vi ho comandato …” (Matteo 28, 19-20), non è solo per gli apostoli, ma per tutti i seguaci di Gesù, per quanti cioè decidono di essere cristiani  alle condizioni di Dio. 

Ma come diventare evangelizzatori, servitori di Dio e collaboratori attivi del Suo Regno? 

Davanti a questa sicura chiamata di Dio e a questa chiara esigenza, non possiamo continuare a cullarci in una eterna infanzia spirituale. Dobbiamo diventare cristiani adulti, maturi. Dobbiamo imparare a capire il volere generale e specifico di Dio, e a fare la Sua volontà.    

Voglio servire il mio Dio 

“Come posso fare, Signore, a servirTi? Vorrei davvero collaborare con Te alla formazione del  Tuo Regno sulla terra. Ma da do­ve iniziare? E come proseguire? 

Il Rinnovamento Carismatico, o Rinnovamento nello Spirito Santo, è partito dalla scoperta, all’epoca davvero sensazionale,  che  ogni cristiano può avere un rapporto personale e diretto con Dio. Da quel rapporto scaturisce tutta una serie di realtà e di esigenze che si può dire ribaltino il vecchio modo di vivere il cristianesimo. 

Il primo passo 

Mediante il Seminario di Vita nello Spirito Santo[i] cui abbiamo fatto cenno all’inizio di questo articolo, e che costituisce un passo indispensabile per entrare in un rapporto personale e profondo con Dio, arriviamo a conoscere personalmente Gesù e a ricevere lo Spirito Santo in maniera attiva  e consapevole. 

Lo Spirito Santo era già presente in noi sin dal Battesimo e dalla Cresima, tuttavia potremmo paragonarlo ad un tesoro che tenevamo racchiuso in una cassaforte di cui avevamo perduto la chiave! Ma ecco che un amico ha  ritrovato la chiave, e vuole insegnarci ad aprire la cassaforte: da miseri accattoni diventiamo i figli del Re, eredi di Dio, partecipi delle Sue ricchezze soprannaturali e della Sua vittoria. E questo non solo nella vita eterna, ma ad iniziare da qui, ora ...

Questo è ciò a cui siamo destinati: partecipare alla vittoria di Cristo sin da questa terra. Ma …

Non vi è vittoria senza battaglia 

Partecipare alla vittoria di Cristo significa viverne le varie fasi, ed è ne­cessario capire bene cosa ci aspetta per non retrocedere alla prima  difficoltà. 

Innanzitutto, la stessa parola VITTORIA implica un precedente conflitto, una battaglia in cui abbiamo avuto la meglio. E ovviamente l’adagiarsi nello status quo non può essere la vittoria cristiana qui intesa. 

A questo punto è necessario affermare che là dove lo Spirito di Dio é all’opera, come  dovrebbe esserlo in tutti i discepoli di Gesù, non può esservi una pacifica vita di routine, perché la lotta  diventerà parte essenziale della vita. Infatti, cominceranno inevitabilmente a rivelarsi degli ostacoli al Regno di Dio, per farci retrocedere dalla decisione di servire il Suo Regno. Si tratta tut­tavia di ostacoli già esistenti in noi - anche se celati nell’ombra, - ora costretti a balzare alla luce: non sono solo dispetti da parte del nemico per bloccare il nostro cammino di fede (anche se queste sarebbero le sue intenzioni), e capiremo il perché. 

Abbiamo cambiato Regno 

Infatti, dal momento in cui abbiamo invitato Gesù nella nostra vita, abbiamo deciso di aderire al Suo cammino (che durerà per l’intera vita), e abbiamo ricevuto  lo Spirito Santo, siamo entrati in un nuovo Regno; abbiamo cambiato amministrazione e padrone, e dal regno delle tenebre, dominato dalle potenze del “mondo” (nel senso di quella parte di umanità che vuole ignorare o che rifiuta Dio) siamo entrati nel Regno della Luce. 

Un “Regno” tuttavia implica un Re e delle leggi, e nel nuovo Regno il Re è Cristo e le Leggi sono la Sua Parola, la Scrittura, compresi gli insegnamenti degli apostoli, ispirati dallo Spirito di Dio.

Siamo sfuggiti ad un altro padrone, che ora cercherà di fare il possibile per riaverci tra i suoi ranghi. Ma se prima inconsapevolmente appartenevamo al suo regno, ora che abbiamo la consapevolezza della realtà soprannaturale non vogliamo più avere a che fare con i nemici di Dio. Da qui sorgono gli ostacoli e le difficoltà. 

Regno, promesse e condizioni 

In questo nuovo Regno non siamo più in balìa del nemico, perché rientriamo tra gli appartenenti al popolo di Dio, e quindi beneficiari delle Sue promesse. Sappiamo allora che ‘Tutto si volgerà in bene per coloro che amano Dio”, e che proprio le difficoltà si volgeranno a nostro favore. 

Ma per vedere applicati a noi stessi i vantaggi e le promesse della Scrittura dobbiamo essere Suo popolo non solo a parole, e non limitarci a semplici adesioni orali o intellettuali. Questo significa decidere di applicare la Scrittura alla nostra vita non solo in relazione alle promesse, estratte magari dal loro contesto per nostro uso e consumo, ma anche in relazione alle rispettive CONDIZIONI.

La promessa condizionale, infatti, è una co­stante della Bibbia, e non troverete nell’ intera Scrittura una sola promessa che non sia preceduta, o seguita, da una condizione. La cosa interessante è che anche la condizione fa parte della promessa, e stabilisce che la nostra infedeltà avrà un altro tipo di risposta… 

Ad esempio: “Chi vive in Me porterà molto frutto ...  Senza di Me non potete far niente.. “

La condizione per portare frutto è vivere in Cristo. Non vivere in Cristo manifesterà la nostra totale impotenza, ed è il risultato “promesso” nella seconda frase. 

“Abiterete in un paese dove scorre latte e miele ..” (Esodo) Questa promessa include la condizione di osservare tutti i comandamenti di Dio e di parlarne sempre, dovunque e con chiunque. E di non dimenticare Dio, altrimenti …. 

Una volta capito che non sarà possibile vedere realizzate le promesse di Dio se non ne comprendiamo e ne osserviamo le condizioni, saremo pronti a capire che una delle condizioni della vittoria di Dio è il passaggio attraverso l’apparente confitta della CROCE. 

LA CROCE 

Cos’è la croce? Deve essere un principio davvero fondamentale del cristianesimo, se Gesù ci insegna che “Chi non porta la propria cro­ce e non viene dietro di Me, non può essere Mio  discepolo” (Lc 14,27), mentre Matteo 10,38 dice che “Chi non PRENDE la sua croce e non Mi segue, non è degno di Me..” 

La Croce, quindi, deve essere qualcosa che si può prendere o lasciare, e solo a noi spetterà la decisione. La malattia quindi, nella sua inevitabilità, non rientra in questo senso cristiano della croce.

La Croce deve implicare la possibilità di scegliere tra due vie, tra due modi di agire: quello conveniente al mondo e a noi stessi, e quello che invece promuove il Regno di Dio e che contrasta coi nostri progetti e con le nostre convenienze. 

Scegliere la seconda possibilità dovrà costarci, e sarà un rinnegamento evangelico. Ma da lì avrà inizio la potenza di Dio nella nostra vita, e le azioni intraprese dietro un’ispirazione di Dio a cui abbiamo aderito faranno trasparire l’Autore. 

Questo si chiama “vivere nello Spirito”, ed è una questione di “arrendersi allo Spirito”. Prima di imparare commetteremo diversi errori, inevitabili, che tuttavia saranno usati da Dio come mezzi per insegnarci un modo nuovo di vivere, ed Egli amerà e preferirà questi sbagli all’apparente “rettitudine” esteriore ostentata in precedenza, che altro non era che l’affermazione della nostra “buona volontà”, con tutta la sua impotenza a salvarci. 

Solo la Croce di Gesù può salvarci, e tale salvezza è gratuita. Ma una volta ottenuta la salvezza tutti i discepoli sono chiamati a seguire il cammino di Cristo, che tra l’altro ci dice:

“Se qualcuno vuol venire dietro di Me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e Mi segua …” (Mc 8,34). 

Solo questo tipo di croce cristiana perfettamente evangelica - il rinnegamento di sé –, spalancherà la nostra vita alla potenza e alla vittoria di Dio. Come abbiamo già accennato in precedenza, tale vittoria si realizza solo attraverso l’apparente sconfitta  iniziale, un crollo (la prova); ma risulterà ben presto nel trionfo di Dio e del Suo piano, inevitabilmente diverso dalle nostre aspettative, e tanto più ampio, entusiasmante, splendido. 

Avremo la gioia di vedere che Dio ci sta addestrando – solo ed unicamente attraverso la pedagogia della Sua croce — ad essere i Suoi strumenti docili che Gli permetteranno di tornare ad agire tra le Sue creature. Egli infatti ci chiama tutti ad essere figli e figlie Suoi. Sarà  l’addestramento pratico per diventare Suoi collaboratori, uniti al Suo Corpo. 

Se questo tipo di croce deve essere la condizione-base di ogni vittoria cristiana, esaminiamolo un po’ più da vicino. 

La Croce :  morte a noi stessi, o vita in Dio? 

Il cristianesimo tradizionale spesso ci ha parlato della croce in senso quanto mai negativo, quasi inumano, e sono pochissimi i prodi  che hanno avuto il coraggio di affrontare un argomento tanto spinoso. Pareva più una questione di stoicismo o di masochismo che di cristianesimo, e questa esposizione tragica di un elemento così essenziale dell’insegnamento di Cristo ha indotto un numero incredibile di cristiani ad allontanarsi da un Dio tanto crudele! 

Si parlava di anni e anni di “cammino purgativo”, completamente privo di gioie e basato su un immane sforzo di volontà, che solo in pochi riuscivano ad affrontare. 

Ma le riscoperte recenti hanno dimostrato un aspetto molto più positivo ed entusiasmante di questa morte a noi stessi che, se pur dolorosa, non è affatto tragica ma al contrario, sin dagli inizi è incredibilmente vantaggiosa per l’uomo. 

Quando infatti riceviamo lo Spirito Santo e la potenza dei Suoi doni, comincia ad affluire in noi una vita che ci eleva ad un livello nuovo, soprannaturale: è la vita nuova di Dio in noi; è Dio che ci riempie della Sua vita. 

Questo accade PRIMA che ci venga chiesto di morire a noi stessi. Prima di creare in noi un vuoto, riceviamo la pienezza di Dio e sperimentiamo il Suo amore personale. 

PRIMA di chiederci una parte, anche piccola, della nostra vita, Dio ci dà tutta lo Sua vita. La vita di Dio in cambio della nostra. E al momento in cui Gli  cediamo la parte di noi stessi che Egli ci chiede, Dio Stesso irromperà in noi con la Sua potenza e potrà cominciare a servirSi di noi, ad agire tramite noi. 

Non vi è gioia più grande per l’uomo che avvertire l’approvazione di Dio, sapere di essere nella Sua volontà. Dio può richiederci le mansioni più umili, ma se è Lui a chiederle significa che sono la Sua volontà per noi, e il fatto di eseguirle produrrà in noi la gioia più grande. 

Ogni volta che Dio ci ispira qualcosa, chiede una piccola morte a noi stessi che ci costerà cara perché Dio sa dove mettere il dito. Dovremo rivedere una decisione già presa, dire di no a noi stessi e dire di sì a Dio: in questo consiste il rinnegamento. Infatti, per aderire al Suo volere dobbiamo disfare qualcosa di noi stessi, e proprio questa è la parte che chiamiamo morte. 

Ma attraverso quella piccola morte abbiamo aperto la porta alla potenza di Dio, permettendoGli di agire in noi, e tramite noi, nel mondo. I risultati della nostra azione saranno elevati alla millesima potenza, e con una sollecitudine incredibile!  

E allora, è morte o vita? Io cedo a Dio un valore inflazionato, quasi nullo, e Lui mi restituisce in cambio la Sua vita, più un valore concreto mille volte più grande della mia minuscola rinuncia.

Si tratta solo di morte a noi stessi, o non piuttosto di vita in Dio? Io opterei per questa seconda definizione, senz’altro più incoraggiante, allettante e positiva.

Tutti corriamo dal medico e ci sottoponiamo anche a dolorosi interventi pur di guarire da qualche brutto e fastidioso malanno. Perché non paragonare il rinnegamento di noi stessi ad una cura necessaria per guarirci dal nostro decisionismo, dalla nostra autosufficienza e dalla dipendenza da noi stessi? 

Per vivere davvero la “vita in Dio” che permette al Signore di rispondere ai nostri tentativi di rinnegamento, è necessario considerare la nostra necessità di crescita in quel campo. 

Necessità di crescita cristiana 

Dio non ha detto che esistono due categorie di cristiani: quelli di serie A, che includono il clero e i consacrati, e gli altri di qualità inferiore, che non possono avvicinarsi a Dio perché indegni. 

Le Sue promesse e condizioni valgono per tutti indistintamente, e non abbiamo scuse per sottrarci alle Sue richieste. Se davvero crediamo in Dio e nel Suo amore, sappiamo che Egli ci metterà in grado di compiere tutto quanto ci chiede. 

Ma il cristianesimo non è solo difficile: è IMPOSSIBILE all’uomo che si basi e conti unicamente sulle proprie forze. La cosa interessante è che è stato proprio Dio a renderlo “umanamente impossibile”, allo scopo di insegnare all’uomo a non fare affidamento su se stesso, ma ad affidar­si piuttosto a Lui e a contare sulla Sua potenza. Veniamo così a sperimentare la realtà dei nostri limiti e a capire che l’unica via d’uscita è la SUA VIA, cioè la resa allo Spirito Santo e ai Suoi doni, con tutto ciò che questo implica. 

Capiremo allora con chiarezza quanto una crescita cristiana sia indispensabile al fine di sopravvivere nel Regno di Dio e diventare membri attivi e utili del Suo corpo. Questo non potrà mai avvenire attraverso l’impegno individuale e solitario, ma solo nella comunità cristiana, facendo concretamente parte di un Corpo di Cristo. 

L’esperienza del Corpo di Cristo nel mondo 

La crescita cristiana è impossibile individualmente. Dio ci chiama ad essere corpo di Cristo, e l’esperienza di un fratello nel superare certi ostacoli può e deve ser­vire anche agli altri. L’esperienza dei fratelli maturi, usciti vittoriosi da tanti problemi, servirà a mettere le ali ai cristiani più giovani nella fede. 

Nel mio cammino cristiano che data la lunghezza del percorso si può dire solo  agli inizi ho potuto superare diverse difficoltà proprio grazie all’esperienza di altri fratelli che, per capire gli scopi di Dio in quel campo e per uscirne vittoriosi avevano impiegato magari anche 30 o 35 anni di studio e di ricerca. Leggendo le loro esperienze, vi ho riconosciuto il collegamento con la mia situazione e le similitudine con i miei problemi del momento coi quali stavo combattendo da oltre 5 anni, senza riuscire a venirne a capo. Da quegli scritti ho captato il metodo di Dio e il Suo scopo per me e l’ho applicato alla mia situazione. Così sono uscita da un problema che probabilmente da sola non avrei mai risolto, e certamente non sarei mai arrivata a capire direttamente da Dio i Suoi propositi buoni nel permetterlo, data l’enorme divergenza di ve­dute tra noi due, la mia incapacità a capire Dio e la Sua difficoltà a farSi capire da noi a certi livelli.  

L’esperienza comune di crescita nel rinnovamento

a disposizione del Corpo di Cristo 

I cristiani che si sono aperti a Gesù e alla potenza dello Spirito Santo hanno fatto presto a constatare la portata degli ostacoli che si presentano davanti a loro. Pare siano opera del diavolo, per farci desistere dall’impegno appena preso ed impedire la nostra cresci­ta cristiana. Ma in realtà sono permessi da Dio, che ha il completo dominio della situazione. Sono tutte occa­sioni che Egli ci offre proprio per promuovere e sollecitare la nostra crescita e permettere a questi Suoi figli adottivi di sperimentare ed esercitare la nuova potenza di cui li ha rivestiti.

I doni carismatici, infatti, hanno proprio lo scopo di aiutarci a superare i vari tipi di ostacoli e di opposizione che seguono l’ingresso di una creatura nel Regno di Dio! 

Ma per intraprendere con effica­cia questo cammino di approfondimento è necessario PRIMA avere una più ampia comprensione di alcuni concetti—base del cristianesimo, e QUINDI imparare come appli­care le strategie di Dio agli ostacoli più comuni che inevitabilmente si presentano. Questo accade a tutti coloro che hanno deciso di vivere il cristianesimo nel senso inteso da Dio, e le difficoltà servono a mettere alla prova la nostra fede: guardiamo alla realtà umana che ci circonda, o teniamo lo sguardo fisso su Dio? 

Dopo aver messo alla prova per diversi anni questo tipo di insegnamento, con risultati stupendi di crescita cristiana, il Rinnovamento Carismatico originale (cioè gli stessi gruppi americani che hanno promosso la diffusione del Rinnovamento nella Chiesa Cattolica) ha elaborato un Corso di Maturità Cristiana di Base che è a disposizione di quanti vogliano utilizzarlo. Tale programma iniziale di crescita cri­stiana è adatto a tutti coloro che hanno ricevuto il Battesimo nello Spirito, e in molti paesi del mondo viene regolarmente offerto nei gruppi qualche tempo dopo il Seminario di vita nello Spirito. 

Gli “oratori” delle varie lezioni dovranno essere persone che già sperimentano la maturità che si propongono di insegnare. Saranno così in grado di offrire un aiuto concreto ai partecipanti al Corso di Maturità Cristiana, per superare alla maniera di Dio le situazioni che si presenteranno, proprio grazie alla vittoria personale sperimentata in quella crescita. 

Ma in cosa consiste, precisamente, tale corso? Esaminiamone i contenuti:  

Corso di MATURITÀ CRISTIANA  DI  BASE

Le Fondamenta della Vita Cristiana. 

Il Coso è un primo passo verso la crescita cristiana, e ci apre alla maturità. Ma non è che un inizio. Esso è fondamentale alla crescita successiva perché fa capire le basi essenziali per intraprendere il cammino.  

Si articola in 8 lezioni, raggruppate in due parti di 4 lezioni ciascuna: 

-         La prima parte ci rafforza nei punti-cardine della fede cristiana, e questo permetterà a Dio di agire nella nostra vita:

1.      AMARE DIO – (Come Lui vuol essere amato).

2.      L’AMORE CRISTIANO – (Amare i fratelli dello stesso Suo amore).

3.      LA FEDE - (Imparare a contare su Dio).

4.      LA GUIDA DI DIO – (Imparare ad ascoltare e a fare ciò che Egli ci chiede).

 

-         La seconda parte del corso riguarda gli ostacoli che si presentano al cristiano che decide di vivere nel Regno di Dio, e insegna come affrontarli efficacemente nella nuova potenza che Dio ci ha dato. 

 Tali lezioni riguardano: 

5.      IL MONDO E LA COMUNITÀ CRISTIANA – dove per “mondo” si intende l’umanità che non accetta le leggi di Dio, e la “Comunità Cristiana” (un corpo di Cristo funzionante che applichi questi principi) è presentata come unica soluzione al problema.

6.      LA CARNE – cioè il nemico dentro di noi, e come vincerla nella potenza dello Spirito.

7.  LE CATTIVE RELAZIONI - col prossimo, e come ripararle, risolverle.

8.   LE OPERE DEGLI SPIRITI CATTIVI - e come superare vittoriosamente il problema. 

Fare un corso simile non ci trasformerà in cristiani maturi, ma ci aprirà senz’altro ad una crescita graduale e continua, sempre più profonda. Servirà anche a farci comprendere i nostri limiti e la nostra impotenza, a farceli riconoscere e a portarci a conta­re su Dio. E questo è un ottimo punto di partenza verso la maturità cristiana. 

 

Il “CORSO DI MATURITÀ  CRISTIANA DI BASE”

sui  Quaderni di Vita Nuova[ii] 

Quando alcuni anni fa, e precisamente dal 1979 al 1982, pubblicammo i “Quaderni di Vita Nuova(una serie di 36 Quaderni per la crescita cristiana), pensammo di inserirvi l’insegnamento pratico del corso di Maturità Cristiana di Base preparato dalla Comunità The Word of God di Ann Arbor, Michigan, U.S.A. Il Corso si proponeva di stimolare i fratelli alla crescita cristiana e di aiutarli ad avvertire l’esigenza di un approfondimento continuo dell’esperienza cristiana, fino a raggiungere la maturità. 

Ovviamente per passare a dare gli insegnamenti nei gruppi sarebbe necessario tradurre anche il manuale per le “guide” del corso, che dovrebbe essere pubblicato e studiato dai “leader”, assieme ad altro materiale sussidiario. 

Tuttavia, col materiale esistente si po­trebbe già iniziare un programma di crescita cristiana nei gruppi, perché anche mol­ti articoli inclusi nei Quaderni e nei “Li­bretti il Crescita” tradotti e pubblicati da noi - oltre ai libretti pubblicati dal Co­mitato Nazionale di Servizio nella Serie “Traduzioni”, effettuate da Anna Maria Peselli - rientrano in questo programma. Parte di questo materiale è attualmente a disposizione di chi avverte l’esigenza di una crescita programmata ed efficace, che arrivi a portare un frutto abbondante. Ci proponiamo di proseguire le traduzioni per mettere a disposizione dei fratelli che lo richiederanno gli argomenti indispensabili alla crescita. 

Uno dei segni dell’autenticità e della provenienza da Dio del Rinnovamento nello Spirito è proprio questa bellissima esi­genza di crescita e di maturità. Per coloro che ancora non la avvertono, questa lacuna può essere un segnale di allarme, un richiamo alla revisione della propria vita cristiana: Dio infatti non ha progettato per nessuno un’eterna infanzia spirituale, e ci chiama tutti alla crescita. 

Come utilizzare i 

“QUADERNI DI VITA NUOVA” per ricavarne il: 

CORSO DI MATURITÀ CRISTIANA DI BASE

 

Come già accennato in precedenza, nei Quaderni di Vita Nuova abbiano riportato le lezioni tenute nei loro gruppi dai leader mondiali del Rinnovamento Carismatico Cattolico americano, lezioni insegnate per anni con frutti abbondanti. Per questo motivo quei leader hanno deciso li pubblicare il Corso sotto forma di libro, ed offrire così ai fratelli carismatici di tutto il mondo il risultato della loro esperienza.  

PARTE PRIMA 

Lezione n. 1: AMARE DIO

(Ralph Martin -  Quaderno n. 26, pag. 17). 

É la lezione tenuta da Ralph Martin su come Dio vuole essere amato, e ci insegna in che modo valutare  il nostro grado di amore per Dio, ed anche come migliorarlo. Nella prima lezione del Seminario di Vita nello Spirito abbiamo imparato come DIO AMA NOI. Ora, dopo aver ricevuto in noi la Sua vita, siamo invitati ad amare LUI nel modo giusto.

Al termine della lezione abbiano inserito un questionario, e quindi abbiamo indicato l’elenco degli altri articoli dei Quaderni precedenti che aiuteranno ad approfondire l‘argomento. Nello stesso Quaderno 26—27 e in quelli successivi potrete trovare i seguenti altri articoli:

    Adorazione, un dono che viene da Dio – Bob Mumford, Quaderno 26; (l’intero opuscolo: “Scopriamo la gioia dell’adorazione” di Bob Mumford è stato inserito alla voce “Crescita Cristiana” di questo sito, e servirà a molti per arrivare ad adorare Dio nel modo giusto).

    Il più grande mezzo di grazia – Watchman Nee,  Q. 26;

    La parte migliore – K. Pagard, Q. 27;

    Seguire il Signore – M. A. Jahr , Q. 28;

    Conoscere Dio – D. Watson, Q. 31; 

Libri consigliati: 

-          Rapire il Regno, Ralph Martin – Città Nuova Editrice;

-          Dio al Primo Posto - Ken Wilson - Collana Traduzioni del Rinnovamento nello Spirito;

-          Leggere la Scrittura come Parola di Dio, - George Martin, Ed. Regalità;

-            Vivere la Parola – Jim Durkin, Collana Traduzioni del Rinnovamento nello Spirito – esaurito - (Vedi alla voce “CRESCITA CRISTIANA” di questo sito).

 

Lezione n. 2:  L’AMORE CRISTIANO

(Jim Cavnar, Quaderno 27, p. 9) 

Jim Cavnar ci parla del modo pratico in cui Dio vuole che amiamo i fratelli: non sulla base dei sentimenti e delle simpatie, ma dell’impegno reciproco e con il Suo amore.

Al termine della lezione, abbiamo inserito un breve questionario per approfondire e assimilare quanto ci è stato insegnato. Vi è poi l’indicazione degli articoli che nei Quaderni precedenti considerano svariati aspetti di questo importante argomento. 

Altri articoli, nello stesso Quaderno 27 e nei quaderni successivi, sono:

-         Il peccato di disunione, Ralph Martin -  Q 27;

-         Il disaccordo... -  Don Basham,  Q. 27;

-         Ripariamo le azioni sbagliate - Lez. 7a del Corso, Q. 36. 

Libri consigliati

    Decidere di Amare - Ken Wilson (Ed. Rinnovamento nello Spirito);

    Miracolo a El Paso?  -  René Laurentin, Ed. Ancora.

Lezione n. 3:  LA FEDE

((Jim Cavnar, Quaderno 29, pag. 7) 

Jim Cavnar ci parla dei vari tipi e livelli di fede, e a quale tipo dovrebbe appartenere la fede cristiana che produ­ce i frutti voluti da Dio.

Anche qui abbiamo inserito un questionario al termine della lezione, e quindi l’elenco degli articoli dei Quaderni precedenti sullo stesso argomento, per approfondirne i vari aspetti. 

Altri articoli da esaminare, pubblicati nei quaderni successivi:

Abbiate la fede di Dio Derek Prince, Q.  29;

Cattolici non convertiti e Sacramenti - Ralph Martin, Q. 26;

Cristiani di professione – George Martin,  Q. 30. 

Libri consigliati: 

-         Crescere nella Fede – Jim Cavnar Serie libretti di Crescita del Quaderni di Vita Nuova; (vedi alla voce “Letteratura” di questo Sito). 

Libri per formare la fede: 

    La Croce e il pugnale, David Wllkerson, Ed. Uomini Nuovi (E.U.N.) - vedi alla voce “Contatti”;

    La Potenza della Lode – M. Carothers, Ed. E.U.N.

    Dalla prigione alla lode – M. Carothers, Ed. E.U.N.

    Miracolo a El Paso? — René Laurentin, Ed. Ancora;

    Credo ai Miracoli – K. Kuhlman, Ed. E.U.N.

Lezione n. 4:  LA GUIDA DI DIO

(Bruce Yokum, Quaderno n, 31, p. 1) 

Questa lezione di Bruce Yokum conclude la prima parte del corso di Maturità Cristiana di Base, ed è l’ultima che ci prepara ad affrontare gli ostacoli pratici che si presentano dopo il Battesimo nello Spirito.

Vi si considerano i vari modi in cui Dio ci guida, come aprirsi all’ascolto delle Sue vie e crescere in tale capacità. 

L’elenco degli articoli dei Quaderni precedenti per approfondire la lezione si trova pag. 6 del Quaderno 31. 

Altri articoli importanti sui Quaderni:

Consideriamo come Dio ci guida – Bob Mumford, Q. 31;

    Conoscere Dio – David Watson, Q. 31;

    Le condizioni di Dio -  Bob Mumford, Q. 36.

Libri consigliati:

    Conoscere la volontà di Dio – Jim Cavnar,  Serie Libretti di Crescita dei Quaderni (vedi alla voce “Letteratura”)

    Immersi nello Spirito - Steve Clark, idem c.s.

     La Profezia – Bruce Yokum, Ed. Ancora. 

 

PARTE SECONDA 

Lezione n. 5: IL MONDO E LA COMUNITÀ CRISTIANA

(Bert Ghezzi, Quaderno n. 33, pag. 1) 

Bert Ghezzì ci spiega in cosa consiste il “mondo” secondo Dio e la Scrittura, come riconoscere l’opposizione che da esso si scatena, e il modo in cui Dio prevede che il cristiano superi quel grande impedimento:attraverso la comunità cristiana. 

Alle pagine 5—6 troviamo l’elenco degli articoli precedenti pubblicati dai Quaderni, che andrebbero studiati ed esaminati per meglio capire il piano di Dio su questo punto. 

Altri articoli e spiegazioni successive: 

  Il Problema: il mondo e in cosa esso consiste per i cristiani, Q. 33;

  La soluzione: la Comunità Cristiana, Q. 33. 

Libri consigliati: 

  Non amate il mondo - Watchman Nee, Crociata del Libro Cristiano;

  Discepolo - Juan Carlos Ortiz, Ed. Koinonia;

  L’operaio Cristiano – Watchman Nee, Ed. Centro Biblico;

  Discepolato, sottomissione, alleanza – Derek Prince, Ed. Koinonia;

  Vivere la Parola – Jim Durkins Edizioni Rinnovamento nello Spirito – esaurito (vedi alla voce “Crescita Cristiana” di questo Sito).

Lezione n. 6:   LA CARNE

(Steve Clark, Quaderno n. 35, pag. 24) 

É la lezione sul modo pratico di capire e superare le difficoltà provocate dalla na­tura dell’uomo vecchio in noi, ossia la “carne”,  che non tarderà ad inalberarsi per mantenere il controllo della situazione, ed evitare così di arrendersi alla guida di Dio. 

Nello stesso Quaderno troveremo l’elenco degli articoli precedenti sull’argomento, che ci aiuteranno a capirne meglio i vari aspetti e ad esaminare i “trucchi” escogitati dalla carne per continuare a dominare la vita dell’uomo. 

Alle pagine 30—32 sono esposti: 

-         IL PROBLEMA: LA CARNE che illustra alcuni aspetti delle nostre difficoltà, e:

-         LA SOLUZIONE: Arrendersi allo Spirito Santo, che ci presenta con chiarezza l’unica via d’uscita e di vittoria. 

Libri consigliati:

     Vittoria sulla carne, - Bert Ghezzi, tradotto e da pubblicare.

 

Lezione n. 7:   RIPARIAMO LE AZIONI SBAGLIATE

(Quaderno 36, pag. 34) 

Il Quaderno n. 36 è stato l’ultimo della Serie, ed in esso abbiamo cercato di riassumere le  ultime due lezioni mancanti per completare il Corso di Maturità Cristiana di Base.

Per ovvie ragioni di spazio non abbiamo potuto riportare le lezioni del Corso per intero, ma dallo studio degli articoli pubblicati in precedenza ed esposto pag. 34, si potrà fare un cammino notevole.

In particolare, l’articolo di Steve Clark: Ripariamo le relazioni, nel Quaderno 4, costituisce più o meno una lezione corrispondente a quella del Corso, ed anche: “Amatevi gli unì gli altri”, dello stesso autore (Quaderno 2).

Libri consigliati:

- Decidere di Amare – Ken  Wilson, Ed.  Rinnovamento nello Spirito.

Lezione n. 8: VINCERE LE OPERE DEGLI SPIRITI CATTIVI

(Quaderno 36, pag. 34). 

Come per la lezione precedente, e per le stesse ragioni, è riportato solo l’elenco degli  articoli di tutti i Quaderni su questo delicato argomento. 

Qui tuttavia abbiamo, nel Quaderno 2 a p. 10,  una lezione di Jim McFadden dal titolo: ‘Vittoria su Satana”, che in pratica è lo svolgimento di questa lezione, e che troverete in cima all’elenco degli articoli consigliati. 

Gli altri, numerosi articoli indicati nell’elenco costituiranno un aiuto prezioso per approfondire la conoscenza  del problema e delle soluzioni pratiche per vincere il nemico e le sue insidie. 

Libri consigliati:

            Profezia – Bruce Yokun, Ed. Ancora;

                  Esercizi Spirituali di S. Ignazio  - Ed. Alleluia;

                  Le lettere dii Berlicche  - C.  S. Lewis, Oscar Mondadori;

                  Rinnovamento e potenze delle tenebre  - Card. L. J. Suenens, Ed. Paoline;

                  Dominio sui Demoni, - M. Whyte, Ed. E.U.N.;

                  Gli occhi aperti sulle astuzie di Satana – Emil Kramer, Ed. Crociata del Libro Cristiano.

CONCLUSIONE 

Se davvero alcuni membri dei gruppi intraprenderanno seriamente questo programma, magari discutendo insieme gli argomenti, non tarderanno a vederne i benefici. 

Il primo passo, e il più importante, è quello di affidarsi a Gesù e chiedere aiuto e luce allo Spirito Santo in ciascuna lezione di questo studi. Dobbiamo aprirci all’ascolto della Sua volontà e delle Sue vie, tanto diverse dalle nostre, ma infinitamente più produttive ed efficaci. 

Apriamoci  a Dio e alle Sue condizioni, rinunziando ai nostri termini e alle nostre interpretazioni soggettive. Avremo modo dì vedere che Dio è fedele alle Sue promesse. 

A proposito di promesse 

Poco dopo essere entrata in un rapporto più profondo con Dio, mi parve di avvertire una domanda da parte Sua, che anch’io avevo in cuore: “La Scrittura è piena di promesse: guarigione, gioia, pace, abbondanza…  Se nel mondo non le vedi realizzate, pensi sia colpa Mia o colpa vostra?”  

Dalla mia poca conoscenza di Dio, potevo già dedurre che la colpa doveva proprio essere nostra, perché Dio è fedele e non sbaglia mai. Ma che tipo di colpa?

Arrivai a scoprirlo il giorno dopo: noi pretendiamo che Dio mantenga le promesse a nostro vantaggio, ma facciamo l’errore di estrarle dal loro contesto, ignorando così le condizioni che Dio ha stabilito per concederci quei beni.

Una strategia divina 

Per essere più precisi, ogni volta che Dio vuol donarci qualcosa - magari anche in risposta a slanci d’amore da parte nostra o a richieste insistenti - CI METTE SEMPRE ALLA PROVA:

-         La situazione precipiterà, le porte si chiuderanno, Dio sembrerà sordo alle nostre suppliche.

-         Dobbiamo ricor­dare che la prova è l’inizio della risposta affermativa da parte di Dio, e che va affrontata secondo le Sue condizioni. 

Durante la prova sopraggiungeranno fatti irritanti che metteranno in eviden­zi alcuni aspetti negativi del nostro carattere (ira, ansia, impazienza, disamore, invidia, ecc.). Potremo stabilire quanto siamo orientati a contare sulle apparenze anziché sulla fede in Dio, e quanto dubitiamo che Egli Si stia servendo del problema e stia agendo in mezzo al problema.

Come già detto in precedenza in questo articolo, ogni promessa della Scrittura è presentata in un contesto che include, prima o dopo l’enunciazione della promessa, una condizione. Quindi le promesse di Dio hanno un duplice aspetto: Il Beneficio o Grazia, che chiameremo la PROVVISTA, e la CONDIZIONE.

Provvista   e  Condizione:

Impariamo a ricevere regolarmente i doni di Dio

La “PROVVISTA” viene data SOLO SE OSSERVIAMO LA CONDIZIONE, che fa parte dell’aspetto negativo della promessa. Infatti, Dio ha ugualmente promesso di non concedere quel beneficio a chi non osservi la condizione. E così facendo, Lui mantiene la Sua promessa. 

Questo insegnamento efficace ed essenziale per una vita cristiana autentica e per capire Dio e le Sue vie, è illustrato nei dettagli nel libro "Lo Scopo della tentazione" (o Prova), di Bob Mumford, che sarà pubblicato prossimamente dalle edizioni IL DONO (Vedi alla pagina Contatti).

Questo libro, che Dio mi ha fatto la grazia di leggere agli inizi della mia vita carismatica, ha cambiato completamente la mia vita e mi ha permesso di aprirmi alle guarigioni fisiche e spirituali che Dio voleva concedermi, ma secondo le Sue vie e non secondo le mie aspettative.

Se non avessi imparato COME EGLI AGISCE DI SOLITO, di fronte alle nostre richieste di grazie, non avrei ottenuti tutti i benefici e le grazie che invece ho potuto ricevere.

Dio vuole darci molto più di quanto possiamo immaginare o sperare, MA SECONDO LE SUE VIE. Non ci resta che impararle, dalle persone che con lo studio e l'applicazione dei Suoi metodi hanno ottenuto risultati costanti, e hanno scoperto una via che FUNZIONA!

Una prima edizione del libro è stata introdotta anche su questo Sito alla voce "Crescita Cristiana", ma la nuova edizione è corredata di nuovi capitoli, nonché del questionario per insegnare a tutti i credenti in Gesù il metodo per applicare nella vita di ogni giorno i Suoi principi, e per capire le Sue vie e i Suoi metodi, tanto diversi dai nostri.

Dio è sempre fedele alla Sua Parola: sta a noi imparare e conoscerLo e ad adeguarci al Suo modo di agire. Ma è Dio Stesso a volerci rivelare i Suoi segreti, per darci tanto di più di quanto possiamo immaginare o sperare. 

Se avremo l‘umiltà di riconoscere quanto abbiamo da imparare sulla via pratica di seguire Dio e di portare frutto, saremo aperti alla ricerca e ad accettare l’insegnamen­to efficace che può giungerci dai fratelli  più maturi, dovunque si trovino. È anche importate non presumere una maturità non dimostrata dai frutti e dall’esperienza, come saremmo portati a fare. 

Mettiamoci sulle basi giuste, incamminiamoci nella via del Suo Regno, e Dio ci manifesterà la Sua approvazione intervenendo nelle nostre azioni con la Sua potenza. 

Ma  finché questo non avverrà, dovremo chiederci cosa è che “IN NOI” Gli  impedisce di agire, dove NOI dobbiamo cambiare e di cosa ci dobbiamo pentire. Al momento opportuno Dio aprirà gli occhi della nostra mente, ci manifesterà l’ostacolo e poi ci aiuterà nel cambiamento necessario per portare un frutto duraturo, e per essere usati da Dio quali strumenti efficaci del Suo Regno. Ma il nostro obiettivo deve essere il trionfo di Dio, non il nostro! 

Preghiera: 

Signore, aiutami a conoscerTi sempre di più, ad amarTi sempre di più, a capirTi sempre di più e a capire le Tue vie, tanto diverse dalle mie. Aiutami a crescere nella vita cristiana e nella relazione con Te. Voglio diventare il cristiano maturo che Tu mi chiami ad essere. Nel nome di Gesù. Amen.



[i] Alla “VOCE SPIRITO SANTO E CARISMI” di questo Sito abbiamo esposto tutto l’insegnamento per ricevere il Battesimo nello Spirito Santo. Tuttavia, questa esperienza va fatta in ambiente comunitario, e sebbene talvolta lo Spirito possa scendere spontaneamente sulle persone in una effusione spontanea, la cosa migliore sarebbe recarsi in una comunità carismatica e partecipare ai Seminari di Vita nello Spirito che periodicamente vi si svolgono. Per trovare la località più vicina dei gruppi di rinnovamento visitare il sito: www.rns.it. 

 

[ii] Quaderni di Vita Nuova – c/o Peselli Anna Maria, via C. Battisti, 89 – 65122 Pescara (Italia) - La serie completa dei Quaderni di Vita Nuova è disponibile al prezzo di € 60.00 - Versamento sul c/c Postale 10138501 intestato a Peselli Anna Maria – specificando il materiale richiesto.

- Consigliamo anche i Libretti di Crescita, importanti sussidi per i Corsi. Tutti e 5 i libretti ancora disponibili costano € 10.00, e se ne possono ordinare diverse copie per i membri dei gruppi. Se richiesti da soli, si dovrà aggiungere al loro importo il costo della spedizione di € 5,00. Se ordinati con i Quaderni di Vita Nuova,  il costo della spedizione è già incluso.