Correzione e Cambiamento

I "SINTOMI"

DI CHI E' FUORI DALLA VOLONTA' DI DIO

 

 Bob Mumford

 

Fare la volontà di Dio è stato lo scopo della vita di Gesù, e deve essere anche il nostro. Ma come conoscere la volontà di Dio, e come sapere se la nostra vita è conforme a quella volontà? Nella Scrittura possiamo trovare i "sintomi" che ci avvertono quando siamo "fuori" dalla volontà divina, ed il fatto di esaminare noi stessi confrontandoci con quei sintomi è il minimo, per capire la nostra posizione personale. Dai frutti si vede l'albero.

  

          Deuteronomio 28, 54-68:

"Il Signore ti disperderà tra tutti i popoli, da una estremità fino all'altra; là servirai altri dèi, che né tu, né i tuoi padri avete conosciuti, dèi di legno e di pietra. Tra queste nazioni non troverai sollievo e non vi sarà luogo di riposo per la pianta dei tuoi piedi; là il Signore ti darà un cuore trepidante, languore di occhi e angoscia di  anima. La tua vita ti sarà dinanzi come sospesa ad un filo; temerai notte e giorno e non sarai sicuro della tua vita. Alla mattina dirai: Se fosse sera! e alla sera dirai: Se fosse mattina! a causa del timore che ti agiterà il cuore e delle cose che i tuoi occhi vedranno. Il Signore ti farà tornare in Egitto per mezzo di navi, per una via della quale ti ho detto: Non dovrete più rivederla! e là vi metterete in vendita ai vostri nemici come schiavi e schiave, ma nessuno vi acquisterà."

 

 

É un brano fantastico della Scrittura! Prima di interessarmi alla teologia studiavo medicina: volevo essere davvero un bravo medico perché mi piaceva. Dai sintomi il medico fa la diagnosi delle malattie e un giorno, leggendo questo brano, capii che descriveva i sintomi di chi è fuori dalla volontà di Dio.

            Questo articolo riguarda proprio questo argomento: "essere nella volontà di Dio" o "esserne fuori." Sono convinto che più vi avvicinate alla perfetta volontà di Dio, meno questi sintomi appariranno in voi, fino ad esserne completamente liberi.

 

            Il motivo per liberarci dai sintomi non è certo perché qualcuno ha pregato imponendo le mani su di noi. Sapete chi NON viene guarito mediante la preghiera? Di solito sono proprio i cristiani. I peccatori, i nuovi credenti, non hanno problemi. Dicono: "Gesù guariva? Ci credo!" e guariscono. Esaminiamo ora nei dettagli Deuteronomio 28,64-68, che cercheremo di tradurre in linguaggio moderno.

 

 1.      "Il Signore ti disperderà" = Mancanza di unità.

La Chiesa di Gesù Cristo è stata dispersa: ognuno si fa i fatti propri, e ciò perché manchiamo di essere nella giusta relazione con la volontà di  Dio.

 

 2.      "Là servirai altri dèi" = Schiavitù spirituale.

Sarete schiavi della droga, dell'alcool, del tabacco, della TV, del sesso, ecc.

 

 3.      "Non troverai sollievo" = Mancanza di tranquillità.

Non riuscirete a star bene da nessuna parte.

 

 4.      "E non vi sarà luogo di riposo per la pianta dei tuoi piedi" = Irrequietezza.

Andiamo in America! Alle Bermude! Andiamo a Roma! In Cina! Non riuscite a restare a casa, e tale irrequietezza è proprio ciò che distingue i nostri giovani.

 

 5.      "Il Signore ti darà un cuore trepidante" = La tensione.

Siamo come una molla o una corda tesa: basta toccarle per farle scattare.

 

 6.      "Languore di occhi" = É un sintomo psicosomatico della schizofrenia.

Gli occhi non sono a fuoco e vedono male.

 

 7.      "Angoscia di anima" = Tristezza, dolore.

Sulla nostra vita vi è come un senso di dolore che la avvolge.

 

8.           "La tua vita ti sarà dinanzi come sospesa ad un filo" = Insicurezza.

La schiavitù della sicurezza secondo l'uomo, con assicurazioni sulla vita, talismani ecc., o che desidera poter stare in una casa di acciaio inossidabile e antiproiettile, protetto da tutto e da tutti i possibili pericoli. Tuttavia poi sarebbe ancora insicuro.

 

 9.      "Temerai giorno e notte" = La paura.

Qualcuno pensa si tratti di demoni? Sono propenso a pensare che per molti si tratti solo di essere fuori dalla volontà di Dio. "Ho paura. Paura dei cani, dei gatti, della gente, delle armi, di morire, di respirare, di vivere, di bere il latte perché è radioattivo." La gente è circondata dalla paura, e mi stupisco dei motivi di tali paure!

 

10.     "E non sarai sicuro della tua vita" = Mancanza di fiducia.

Penso di non farlo, ma... vorrei poter venire, però ... non so se dovrei o no, perché ... Non so se potrò ... Poi ti telefonerò!" Non sapete cosa fare e non mantenete ciò che dite.

 

11.     "Alla mattina dirai: Vorrei che fosse sera" = Scontentezza.

É un meccanismo di fuga. Quando sono nella volontà di Dio, mi piace alzarmi al mattino. Altrimenti preferisco dormire. Il sonno è un meccanismo di evasione per non dover pensare.

 

12.     "A causa del timore che ti agiterà il cuore e delle cose che i tuoi occhi vedranno" = Rifiuto della realtà.

Ci rifiutiamo di vedere le cose come sono. É un ritirarsi dalla realtà, ed è un risultato degli schizofrenici: comprende attività diabolica. É una cosa gravissima.

 

13.     "Il Signore ti farà tornare in Egitto" = Tornare alla vita vecchia.

Chi torna alla vita vecchia rispecchia la forma più misera della creazione. Quando ricevete lo Spirito Santo, il Signore può chiedere una certa cosa e la persona può rispondere: "NO." Allora comincerà ad avvertire i sintomi di chi è fuori dalla volontà di Dio. Comincia ad arrabbiarsi perché Dio non risponde alle sue preghiere; si irrita, si infuria, diventa irrequieta. Non trova più soddisfazione né utilità.

 

            La maggior parte di noi, dopo aver conosciuto il Signore, ad un certo punto Lo ha abbandonato. Ma quando tornate al Signore, fate sul serio!

            Se non sappiamo giocare il gioco della vita, possiamo rivolgerci a Lui: "Signore, non posso fare altro che mettere la mia mano nella Tua, perché voglio camminare con Te!"

            Rivolsi queste parole al Signore, e le intendevo seriamente, e Lui ha mantenuto le promesse.

            Ma io mi sono impegnato a conoscere la volontà di dio e a farla!

 

            Rivediamo un attimo tutti i sintomi: se li ho tutti, o se ne ho molti, che devo fare?

 

 TRE MODI

 PER LIBERARSI DAI "SINTOMI"

 

            Per chi è "fuori" dalla volontà di Dio, vi sono TRE VIE PER RIMEDIARE:

 

1.     La via dell'uomo;

2.     La via di Satana;

3.     La via di Dio.

            Esaminiamole dettagliatamente:

 

1.   La via dell'uomo:

A. -    Sesso, droga, cinema, TV, juke-box, viaggi, la moglie di un altro;

     -   Non pensare ma ballare, amare, mangiare e bere, ridere, riposare, ecc.

 

B. -    I meccanismi di evasione:

          Tranquillanti, droghe, psichiatra, ecc.

     -   Mi è capitato che persone venute da me, gratis, mi hanno rivelato cose mai dette allo psichiatra, dal quale si recavano regolarmente sborsando 150.000 lire la settimana! Lo psichiatra era un meccanismo di fuga. Tali meccanismi non servono a curare o a guarire, ma solo a non esplodere.

 

C. -    il problema sei TU:

     -   Dovunque andrai, o da chiunque, il problema ti seguirà.

     -   Non che sia sbagliato viaggiare o andare in un certo luogo: il problema non è quello: SEI TU.

 

D.      Il Signore non permetterà che i meccanismi di evasione ti soddisfino.

          Alcuni pensano che il cristianesimo sia un meccanismo di evasione.

          è Ma il cristianesimo puro è proprio l'opposto, e ci porterà ad accettare noi stessi come realmente siamo.

 

2.     La via di Satana (Deuteronomio 18, 10-11).

 

(1)     "Non si trovi in mezzo a te... chi esercita la divinazione (chi predice il futuro),

(2)     il sortilegio (oroscopi),

(3)     l'augurio (l'astrologia),

(4)     la magia (i veri maghi),

(5)     chi faccia incantesimi,

(6)     chi consulti gli spiriti (medium, con una guida),

(7)     indovini (chiaroveggenti),

(8)     chi interroga i morti (negromanti), perché chiunque fa queste cose è un abominio al Signore. A causa di questo abominio il Signore tuo Dio sta per scacciare quelle nazioni davanti a te..."

 

(v. 13) "Tu sarai irreprensibile verso il Signore tuo Dio, perché le nazioni di cui vai ad

occupare il paese ascoltano gli indovini e gli incantatori, ma quanto a te, non così ti ha permesso il Signore tuo Dio.

 

            Tutte le cose elencate in Deuteronomio 18, 10-11 sono menzogne e si fondano sulla menzogna. Esistono davvero e sono animate da una potenza non umana, basata sull'inganno;

Ø     se alcune hanno la parvenza di verità, sono verità sataniche: fondate cioè sulle vie di Satana, che non sono diverse da quelle dell' uomo per il fatto che le sovrastano - come avviene per le vie di Dio - ma perché gli insegnano un male maggiore.

Ø       La menzogna delle vie di Satana sta nell'apparente verità rivelata dal nemico.

 

            Potete andare dall'indovina che vi consiglia di non fare affari oggi, o che vi dice che incontrerete una data persona. In lei state cercando una guida soprannaturale, ma non divina: Infatti, ciò che trovate è proprio soprannaturale, ma di tipo sbagliato: è guida satanica.

 

            In tutto il mondo di è un revival delle vie di Satana. Preferiamo i tranquillanti, gli indovini, le carte o consultare i morti, piuttosto che fare la volontà di Dio. Ma peggio ancora, c'è un risveglio dell'adorazione a Satana, al quale vengono offerti sacrifici umani. Si sono trovati i resti di  quei sacrifici, offerti nella nostra società!

 

3.    Le vie di Dio

 

Dio permette la manifestazione dei sintomi per costringerci a giungere agli estremi e vedere cosa faremo poi.

è     Dio permette il caos delle circostanze per portarci a riconoscere il nostro nulla, la totale inefficacia delle nostre vie, e per farci arrivare al punto di lasciarci andare e lasciar andare ciò che tenevamo stretto in mano.

- Le vie di Dio possono cominciare quando ci arrendiamo, stremati dai tentativi di provare a rimediare a modo nostro:

è     "Signore Gesù, so che la via dell'uomo non è in se stesso; che l'uomo non può guidare se stesso. Io voglio esser ripieno della conoscenza della Tua volontà, e di ogni comprensione spirituale e sono pronto, Signore, a lasciar andare tutto ciò a cui mi sono afferrato."

 

            Sapete come vengono catturate le scimmie? Viene svuotata una noce di cocco, poi riempita di molte, piccole cose. La scimmia mette la mano nel foro e cerca di afferrare più cose che può, tanto che la mano non potrà più uscirne. Con quella noce attaccata alla mano non sarà più libera di correre, e l'uomo potrà catturarla facilmente. Piuttosto che mollare la presa, la scimmia si farà catturare.

 

            Vogliamo somigliare alla scimmia? Dobbiamo imparare a lasciar andare le cose che abbiamo in mano, e dai SINTOMI capiremo i nostri punti deboli.

            Tutti i sintomi sono espressioni d'amore da parte di Dio. Egli ci ferisce, ma non ci farà mai male.

 

            Talvolta ho pianto amare lacrime di ribellione per non voler lasciar andare le cose mie. Ma non appena ho mollato la presa, la mia mano è stata estratta dalla trappola del nemico; sono tornato a camminare nella volontà di Dio e sono tornate le grazie e la vita abbondante; ho potuto rivedere in abbondanza la bontà di Dio.

 

            Vi è un luogo di riposo tranquillo, presso il cuore di Dio. Dio fornisce i sintomi per farvi aprire gli occhi. Ora quando scorgo in me quei sintomi, dico: "Signore, so cos'è successo. Ho mancato i Tuoi scopi in qualcosa."

 

            A questo riguardo David ci insegna una lezione efficacissima: Quando si trovava in un pasticcio troppo grosso da cui non sapeva come uscire, gridava a Dio: "Insegnami!" E Dio gli rivelava le Sue vie e lo faceva uscire!

 

            Vi sono tre vie: la via dell'uomo, la  via di Satana e la VIA DI DIO. Quest'ultima all'inizio è difficile, ma facile poi.

            Ad ogni modo, la via di Dio é la sola che funzioni.

 

            Quale sarà la vostra scelta per rientrare nella piena volontà di Dio?