MIRACOLO IN CINA

di Arthur Wallis

China Miracle

 

CAPITOLO  17

 

GLI AGENTI CELESTI

 Angeli - Giotto

  

Non sono essi (gli angeli) tutti spiriti... inviati per servire coloro che erediteranno

la salvezza?

               cf. Ebrei 1,14

 

Il ministero degli angeli

 

Gli angeli ci sono sempre intorno. Spesso noi siamo gli inconsapevoli destinatari della loro premurosa attenzione.

ð     Quali messaggeri della presenza di Dio, possono recare parole di conforto, speranza o suggerimenti, spesso in situazioni critiche o in un punto strategico dell'azione di Dio verso gli uomini. È allora che diventiamo consapevoli della loro presenza, mentre essi si aprono un varco attraverso quel velo sottile che separa il visibile dall'invisibile.

 

I primi cristiani credevano con convinzione al ministero degli angeli.

ð     Quando Pietro bussò alla porta della casa in cui i cristiani stavano pregando perché egli fosse liberato dalla prigione, una giovane donna di nome Roda andò a rispondere: riconobbe la voce di Pietro e tornò indietro di corsa per riferire ai santi in preghiera che potevano smettere di stare in ginocchio: la risposta alle loro preghiere stava bussando alla porta.

"Ma sei impazzita," le dissero. "Deve trattarsi del suo angelo" (97).[97] Non che fossero troppo lontani dalla realtà, perché il suo angelo lo aveva appena lasciato, dopo averlo condotto fuori dalla porta della prigione!

 

Negli ultimi tempi, con l'intensificarsi del conflitto e con la persecuzione all'ordine del giorno, possiamo aspettarci di sentir parlare molto di più della protezione angelica e del loro aiuto. Su questo argomento così trascurato, abbiamo tanto da imparare!

ð     Forse proprio perché in Cina la situazione somiglia tanto e per molti aspetti a quella del Nuovo Testamento, qui le visite degli angeli non sono poi così insolite.

 

Durante la Rivoluzione Culturale, un pastore dell'estremo nord della Cina fu condannato all' esecuzione capitale pubblica da parte di un plotone d’esecuzione, perché si era rifiutato di smettere di predicare il Vangelo.

ð     Mentre il plotone si stava preparando, gli fu chiesto se avesse un ultimo desiderio, ed egli rispose che avrebbe voluto cantare una canzone. Trattandosi di un'esecuzione pubblica, dovettero concedergli quel permesso.

ð     Egli cominciò a cantare con voce tuonante; ma mentre cantava, il cielo cominciò ad illuminarsi e a risplendere della gloria di Dio, e tutta la gente radunata in quel luogo poté avvertire il suono di centinaia d’altre voci che cantavano assieme al pastore.

Colpite dall'incidente, le autorità decisero di posporre l'esecuzione, mentre era spedito un telegramma urgente a Beijing per ricevere istruzioni.

ð     Per la sua natura, quel telegramma fece presto a salire la scala burocratica fino al Premier Zhou Enlai. Informato dettagliatamente della questione, egli inviò una comunicazione di ritorno:

ð     "In verità questo non è un uomo comune. Rilasciatelo e non provatevi più neppure a importunarlo."

Il pastore fu subito rilasciato, con la libertà di fare tutto quello che voleva, e immediatamente ricominciò a predicare. Per quanto ne sappiamo, sta continuando a farlo ancor oggi.

è Parte della canzone che cantò quel giorno, tradotta in Italiano, dice:

 

Signore, ti amo!

Il mio cuore ti cerca.

Per te io abbandono tutto,

E disprezzo fama e ricchezze.

 

Paul Kauffman racconta la storia di un giovane cristiano prelevato da casa e mandato a lavorare in una comune sull'isola di Kainan, a centinaia di chilometri di distanza. Quest’isolamento aveva fatto intiepidire la sua fede.

ð     Una notte, mentre dormiva nel dormitorio con i compagni di lavoro, l'isola fu colpita da un tifone. Tempeste simili, accompagnate da burrasche e venti fino a 150 chilometri l'ora, laggiù non sono insolite.

ð     In mezzo a quella bufera ululante il giovane fu svegliato di soprassalto da qualcuno che dal di fuori del dormitorio lo chiamava per nome. Si mise a sedere sul letto, ma era riluttante ad uscire, per il pericolo. Alla fine la voce si fece talmente insistente che si decise ad uscire.

In quello stesso istante, l'intero edificio crollò dietro di lui. Molti furono uccisi, e tutti rimasero feriti.

è In seguito a quella esperienza il giovane trovò tanto coraggio nel dare la sua testimonianza, cosa che prima non aveva mai fatto, e nei diciotto mesi successivi riuscì così a portare a Cristo oltre 200 persone. (98)[98] 

 

Angelo di Tobia

Nel 1975 una chiesa teneva ritiri e corsi d’addestramento per i nuovi convertiti delle montagne vicine.

ð     Si stava svolgendo un servizio battesimale per 100 nuovi convertiti, quando arrivarono gli uomini della milizia per impedire il battesimo. Questi tuttavia, vedendo dei soldati che circondavano i cristiani, ritirarono il loro distaccamento, convinti che l'esercito avesse in mano la situazione.

Ma i soli soldati che videro furono quelli dell'esercito celeste e così il servizio battesimale poté procedere senza interferenze.

In una conversazione con i delegati di Porte Aperte, al fratello Nui, cinese, fu chiesto cosa facessero i cristiani agli incontri serali della domenica, data la scarsità di Bibbie, il numero ancor più esiguo di libri dei canti e l'assoluta mancanza di maestri che potessero insegnare la Parola di Dio.

è Egli disse che si radunavano per lodare Dio per quello che aveva fatto e per dare le molte testimonianze delle opere meravigliose che Egli stava compiendo.

Tra gli avvenimenti raccontati ci fu quello di un ragazzino uscito con la nonna nei campi.

ð     Egli fu ucciso da un carro con un carico pesante, che gli passò addosso. La nonna, distrutta dalla paura, lo seppellì subito ella stessa, e per il timore di dire alla figlia cosa era successo, riferì che il ragazzo era andato in giro per le strade.

Quella famiglia colpita da tanto dolore stava pranzando, quando il ragazzino entrò in casa.

è Spiegò che un uomo vestito di bianco lo aveva fatto alzare dal suolo, gli aveva spazzolato via lo sporco dagli abiti, gli aveva ripulito il viso, dicendogli poi di tornare a casa.

 

  

Guarigioni fisiche attraverso un Medico misterioso

 

Il tumore al fegato di Huang

 

Il Signor Huang adorava Buddha. La sua salute cominciò a deteriorarsi fin quando non poté più trattenere alcun cibo. La diagnosi dei medici fu: tumore terminale al fegato, e gli dissero che per lui non c'era più niente da fare; così egli se ne tornò al villaggio nativo in attesa della morte.

è Mentre era laggiù sentì parlare di un medico in città e decise di recarvisi per avere un secondo parere. Quel medico cristiano, (che accompagnava l'uomo mentre rendeva testimonianza), confermò che la diagnosi era giusta e che la malattia era incurabile.

ð     Disse poi all'uomo che non esisteva medicina che potesse prolungargli la vita, ma che se egli avesse creduto in Gesù Cristo avrebbe potuto avere la vita eterna.

ð     Gli fu spiegato il Vangelo ed egli fu sollecitato a credere nel Signore Gesù Cristo.  Il medico spiegò inoltre che Gesù aveva il potere di guarire ogni malattia, se era questa la Sua volontà.

"Ma che Gesù guarisca o meno non ha importanza", disse il medico. "L'importante è che tu abbia la vita eterna."

 

 

Il Signor Huang disse: "Voglio credere in Gesù." Si inginocchiarono nell'ufficio del medico, mentre il Signor Huang diventava una persona nuova in Cristo.

ð     Tornato a casa, parlò alla moglie della propria fede in Cristo e le chiese di togliere dalla casa tutti gli idoli e di bruciarli. Lei lo fece, ma le condizioni del Signor Huang subirono un rapido peggioramento.

ð     Ogni sera assieme alla moglie si inginocchiava a pregare: ringraziava il Signore perché qualunque cosa gli fosse accaduta fisicamente, ora lui aveva la vita eterna.

ð     Fu assalito da un dolore terribile e si indebolì al punto che la famiglia cominciò a fare i preparativi per il funerale. Acquistarono la bara e scavarono una fossa sul fianco della collina.

Una notte, durante il sonno, gli apparve un uomo vestito di bianco: teneva in mano un coltello. Temendo delle sue intenzioni, il Sig. Huang combatté con lui, ma vinse l'uomo che lo toccò con il coltello.

ð     La mattina dopo egli si svegliò alle otto, e per la prima volta dopo tanti giorni ebbe fame. Dopo aver mangiato una minestra nutriente, si addormentò.

Gesù viene

   

Al risveglio vide chiaramente presso il suo letto due uomini vestiti di bianco. Gli dissero: "Sei guarito." Si toccò e scoprì che ogni gonfiore era sparito, ed avendo una gran fame, fece un pasto sostanzioso.

è Quando il fratello venne a fargli visita, si stupì di vederlo a sedere. L'uomo testimoniò al fratello che Gesù quella notte lo aveva toccato, e poi fu completamente guarito.

 

Il tumore al cervello di una donna

 

Questa storia di una donna con un tumore al cervello viene da  Zhejiang, una provincia che si ritiene abbia moltissimi cristiani. Da nove anni ella cercava un rimedio ed aveva speso invano tutto il denaro che aveva. Dopo di che, abbandonata ogni speranza, si rassegnò a morire.

ð     Un giorno, mentre se ne stava sola in casa sdraiata sul letto, vide entrare nella stanza tre persone vestite di bianco.  Una le chiese: "Vuoi guarire?"

ð     Alquanto sorpresa ella rispose: "Sei un medico? Si, voglio guarire."

ð     L'uomo vestito di bianco le si avvicinò e le colpì la testa nel punto dov'era il tumore. Le parve come se le uscisse un fluido dalla testa, e che le fosse asportata una massa di qualcosa. Quindi le sembrò che, con pochi movimenti veloci delle dita, l'uomo chiudesse l'apertura praticata.

Si sentì subito meglio. Poi chiese: "Come si chiama, dottore?"

è "Gesù", rispose l'uomo vestito di bianco. "Mi potrai trovare nella città più vicina." Detto questo, scomparve.

 

Alla sera quando i familiari tornarono, lei raccontò del medico che l'aveva guarita gratuitamente.

ð     Non le prestarono attenzione, pensando che stesse delirando, ma la donna diventò ogni giorno più forte: il tumore alla testa se n'era andato. A quel punto decise di recarsi nella città più vicina per ritrovare il medico che l'aveva guarita e per ringraziarlo.

ð     "Sta qui un medico che si chiama Gesù?" La donna cui si rivolse era cristiana: ci pensò su per un momento, poi decise di portarla a casa sua dove i cristiani si radunavano per pregare.

ð     Ella raccontò la sua storia, e i cristiani non si meravigliarono di quella guarigione, poiché cose del genere sono molto comuni nella Cina rurale. Ma quando le dissero chi era Gesù, lei fu presa da un riverente timore. Le predicarono il pentimento e la salvezza ed ella tornò a casa con Gesù nel cuore.

Poco dopo l'intera famiglia si avvicinò a Cristo. La sua testimonianza ben presto si diffuse per tutto il villaggio e furono in molti a voler credere in Gesù.

è Dal villaggio vicino quella donna fece venire un cristiano più maturo per aiutarli. Così, in seguito alla sua guarigione, molta gente andò al Signore.

 

Angeli in azione

 

Una coppia cristiana, poverissima, si guadagnava da vivere trasportando pietre e legname su carri di legno tirati a mano. Stavano sforzandosi per portare su una collina un pesante carico di pietre.

ð     Raggiunta la cima, la donna corse avanti al carro per tenerlo fermo sull'altro versante, ma inciampò e cadde, e il carro le passò sopra, stritolandole le ossa.

ð     I medici del luogo le dissero che doveva andare in un ospedale più grande perché necessitava d’importanti interventi chirurgici, ma ciò era molto più di quanto la coppia potesse permettersi.

Alla quarta notte d'ospedale, i medicinali non erano ancora riusciti ad alleviarle quel terribile dolore. Mentre attendeva il Signore, decise di interrompere tutti i calmanti e di confidare in Dio per la guarigione.

ð     Quella notte ricevette la visita di due "stranieri"; essi la sollevarono per le spalle, facendole poi pressione sull'osso pelvico. In seguito ella riferì di aver avuto l'impressione che "dell'acqua bollente" le passasse attraverso il corpo dalla testa ai piedi. La mattina dopo, quando si risvegliò, continuava a ripetere: "Grazie Signore! Lode a te, Signore!"

è "Che ti succede?" le chiese la donna del letto accanto.

è "Il mio corpo è tornato in salute", rispose lei. "Gli angeli hanno eseguito un'operazione sulle mie ossa."

ð     Quando vennero i medici per esaminarla, raccontò loro l'accaduto. Essi rimasero allibiti nel costatare che le sue ossa erano tornate perfettamente a posto, e le fu dato il permesso di uscire dall'ospedale all'ora di pranzo di quello stesso giorno.

Alcuni giorni dopo quella donna andò al mercato a comprare un po' di frutta e di caramelle.

ð     Poi si mise sulla strada a fermare i passanti per raccontare loro la sua testimonianza della potenza guaritrice di Dio. A chi ascoltava, regalava un frutto e qualche caramella: era la sua offerta di ringraziamento! (99)[99]

 

Il Dr. Wang tornò a camminare …

 

La famiglia del Dr. Wang da due generazioni viveva in una casa a due piani circondata da un cortile. Nonostante le sue apprensioni all'epoca della Rivoluzione Comunista, egli aveva lavorato duramente per servire il suo popolo. Quando poi sopraggiunse la Rivoluzione Culturale il vecchio Dr. Wang, esperto in medicina occidentale e cristiano riconosciuto, fu tra i primi ad essere oggetto di persecuzione.

ð     Nessuno sa bene cosa gli fecero, perché non ha mai parlato delle sue sofferenze; ma in seguito egli non fu più in grado di camminare. Rimase confinato a letto in una stanzetta al piano superiore, mentre la famiglia si prendeva cura di lui.

Una notte, mentre sua figlia era ancora sveglia perché non riusciva a dormire, giù in cortile avvertì il cigolio del cancello di legno. Balzò in piedi, corse nella vicina veranda e vide entrare in casa una figura vestita di bianco. Scese al piano terra per indagare, ma non vi trovò nessuno oltre i membri della famiglia, profondamente addormentati.

ð     Intanto nella sua stanzetta al piano di sopra il Dr. Wang si agitava nel sonno. Una luce fulgida risplendette su di lui, e gli occhi gli si aprirono ad una visione del Signore Gesù in piedi accanto al suo letto.

è "Figlio", sentì che diceva, "alzati e cammina!"

è "Non posso", rispose l'uomo sorpreso. Gesù allora gli prese le mani e lo sollevò.

         "Credi in me?" gli chiese Gesù.

         "Si, si, Signore!" rispose.

         "Se credi in me, alzati e cammina!"

 

L'uomo obbedì senza esitare: si alzò dal letto e cominciò a camminare. Poi cominciò a ridere forte di gioia e pare che il Signore ridesse con lui: erano le due e mezzo del mattino.

ð     Quelle risate fecero svegliare il nipote che dormiva nella stessa stanza. Pensando che lo zio fosse uscito di senno, si precipitò a sorreggerlo per impedirgli di cadere.

ð     In un'altra stanza il figlio maggiore del Dr. Wang fu risvegliato dalla commozione: balzò su e rimase colpito nel vedere il padre che se ne stava in piedi presso il letto, a ridere. Anche lui pensò che il vecchio fosse impazzito, e stava per afferrarlo quando il padre gli disse con fermezza:

ð     "Tieni le mani lontane da me! Non sono pazzo! Il Signore Gesù è venuto in questa stanza e mi ha guarito!"

Mentre pronunziata queste parole, discese la ripida scala che portava giù al primo piano, si voltò e sorrise alla famiglia che stava di sopra spaventata. Quindi risalì le scale con passo fermo.

è Quando arrivò di sopra, la gioia della famiglia fu incontenibile e la loro eccitazione svegliò tutti gli occupanti della casa.

 

Una notizia tanto bella non poteva aspettare fino al mattino, così tutta la famiglia insieme si recò nella casa del secondo figlio, che si trovava in un'altra strada.

ð     "Guardate, il nonno cammina!" gridò il figlio più giovane, mentre uno ad uno tutti gli altri membri della famiglia si univano stupiti a quel gruppo tanto eccitato. Ridendo e rallegrandosi, insieme resero grazie a Dio.

Il Dr. Wang voleva recarsi subito al luogo d'incontro dei credenti, ma i figli lo persuasero ad aspettare il mattino.

ð     Quando giunse l'alba, l'intera famiglia si recò dallo stupito pastore e poi da altri parenti. Incontrarono la giovane nipote del dottore che si stava recando al lavoro: al vederlo camminare rimase a guardarlo a bocca aperta, e dopo aver ascoltato l'accaduto, cominciò a lodare il Signore dicendo: "Sia benedetto il nostro Dio! È davvero meraviglioso!"

 

La domenica successiva la casa dove i credenti si radunavano per pregare era affollatissima. La gente stava fin nel cortile e cercava di guardare attraverso le finestre; altri riempivano gli stretti passaggi. Tutti gli occhi erano fissi sul Dr. Wang, che si spostava da una stanza all'altra salutando i cristiani.

ð     Raccontò la sua stupefacente storia ad un'assemblea ammutolita, dopo di che cominciarono a volare le domande:

è "Dr. Wang, sei in grado di saltare?" chiese il pastore.

è "Se sono in grado? Naturalmente!" rispose il vecchio, e detto questo, cominciò a saltare su e giù perché tutti potessero vederlo.

Ora egli viaggia in lungo e in largo in bicicletta, raccontando a chiunque voglia ascoltare la potenza di Gesù. E la gente non si limita ad ascoltare: invoca il nome del Signore ed  è salvata.

 

Ma queste chiese in Cina sono “carismatiche”?   

 

Molti vorranno sapere se queste chiese indipendenti che si trovano in Cina sono "carismatiche." Dipende da cosa si intende con quel termine.

ð     Se chiedete: "Quei cristiani sono aperti alla pienezza e ai doni dello Spirito Santo? Si aspettano che Dio faccia oggi quello che ha fatto ai tempi della Bibbia? E considerano normali quelle cose quando capitano?"

ð     La risposta sarebbe quasi certamente un "sì" a tutte e tre le domande.

ð     Riguardo alla guarigione, certamente vi è più fede nelle chiese domestiche cinesi di quanta non ve ne sia nella maggioranza dei credenti che in occidente si definiscono "pentecostali" o "carismatici."

 

Se tuttavia intendete dire: "Esiste laggiù un chiaro insegnamento sullo Spirito Santo e sui doni spirituali? Vi è una libertà vera nella lode e nell'adorazione? La caratteristica dei loro incontri è costituita dall'esercizio dei doni delle lingue, dell'interpretazione delle lingue e della profezia?"

ð     allora la risposta sarebbe un "no". Ovviamente sto generalizzando, e a queste due risposte possono esservi numerose eccezioni.

 

In Cina i cristiani accettano a livello quasi universale il fatto che Dio oggi guarisca.  

ð     Credono alla validità dei doni e della manifestazioni dello Spirito e sono aperti a queste cose; ma probabilmente l'enfasi sulla necessità di desiderarle ardentemente, come Paolo ci ha esortati a fare, è piuttosto scarsa, com’è scarso l'insegnamento biblico sul modo giusto in cui vanno esercitate nella chiesa.

è Cosa vuol dirci il Signore attraverso questo aspetto del Suo modo di operare in Cina? In una nazione ampiamente libera dall'influenza occidentale, dove

è non esiste una forte "lobbia" pro o contro le manifestazioni soprannaturali, Dio sta muovendosi spontaneamente in quel modo. Cosa sta dicendo a noi occidentali?

 

1. La ragione per cui le guarigioni costituiscono  una caratteristica tanto prominente in questa iniziativa di Dio, è certamente dovuta al fatto che esse dimostrano una potente efficacia nella fase attuale di crescita evangelica.

è E noi, nel nostro paese, non abbiamo forse un disperato bisogno di tale crescita? 

 

2. L'altra lezione è costituita dall'apertura dei credenti cinesi e dalla semplicità della loro fede. È vero che essi hanno ricevuto poco insegnamento.

ð     Per la grande misericordia di Dio, non c'è stato nessuno ad avvertirli che "quelle cose" erano "confinate agli inizi del cristianesimo," che "Dio oggi non opera più cose simili" e che quindi qualsiasi manifestazione di quel tipo non è altro che "contraffazione."

Perciò, quando Dio ha cominciato ad operare in quel modo, hanno accolto con grande gioia questi Suoi interventi.

 

Dobbiamo uscire dalle posizioni di negativismo e di neutralità, nel caso le avessimo adottate, e tornare ad invocare il Signore, come si faceva nella chiesa primitiva e come sta ora facendo la chiesa in Cina,

è chiedendo che Egli stenda la Sua mano per guarire e che si operino segni e miracoli.

Per la Cina verrà certo il tempo in cui la fase attuale di crescita fenomenale farà spazio ad una fase di consolidamento. Sono convinto che allora Dio guiderà quelle chiese a ricercare i doni particolarmente destinati all'edificazione.

ð     Riceveranno luce sul significato di brani della Scrittura del tipo: "Desiderate ardentemente ... i doni spirituali, e specialmente il dono della profezia;" (100)[100] e,

ð     "Poiché desiderate ardentemente i doni dello Spirito, cercate di eccellere in quelli che costruiscono la chiesa". (101)[101]

ð     Non solo i doni d’insegnamento e d’esortazione, ma anche l'uso pubblico delle lingue unito all'interpretazione, il dono della profezia e altri doni che rientrano nella categoria (102).[102] 

 

Una cosa è certa: Dio non tratterrà presso di Sé nessun dono che sia utile e necessario alla maturazione della Sua chiesa in Cina.

 



[97] 97. Atti 12,13-15.

[98] 98. Kauffman p. 199.

[99] 99. Kauffman p. 194-5.

[100] 100.cf. 1 Cor. 14,1.

[101] 101. 1 Cor. 14,12.

[102] 102. 1 Cor. 14,5.