Filosofia Cristiana

FONDAMENTA PER IL FUTURO[i] 

Ralph Martin 

I cristiani si trovano sotto l'influenza di ideologie che non vengono da Dio.   

 

   

Qualche tempo fa osservavo un grafico che illustrava la crescita della popolazione nel mondo, quando notai un fatto interessante:

Ø       contemporaneamente alla crescita ad un ritmo straordinario della popolazione mondiale, sono arrivati dei veri e propri attacchi alla Chiesa cristiana e all'unità, alla forza e alla salute dei cristiani.

Ø       Nel corso di tutta la storia, fino al 1400 o 1500 d.C. il ritmo di crescita della popolazione formava una linea orizzontale attraverso il grafico.

Ø       Ma dopo quell'epoca, la linea è cominciata a salire verticalmente, ed è tuttora in ascesa. Al momento stesso in cui ebbe inizio questa crescita straordinaria della popolazione, cominciarono ad aumentare diverse debolezze e divisioni tra i cristiani.

L'unità dell'Occidente cristiano andò in frantumi nel 16° secolo.

Ø       Nel 17° e 18° secolo l'Illuminismo, movimento di pensiero e cultura, cominciò ad avere un forte effetto sulle nazioni occidentali per il fatto di essere centrato sull'uomo e su quanto egli poteva fare da solo, separatamente da Dio.

Se ancora si esprimeva la fede in Dio, era la fede in un Dio lontano che in realtà non faceva nulla che portasse una qualche differenza. 

Nel 19° secolo si cominciarono a fare attacchi sull'integrità della Parola di Dio, mentre teologi e studiosi cominciarono a minarne seriamente la credibilità. Vasti settori di cristiani, già in contrasto tra loro, cominciarono a perdere la fiducia nella verità della Parola di Dio.

Ø       Nel 20° secolo, nel quale gli esseri viventi sono più numerosi che in qualsiasi epoca precedente, vediamo i risultati di questi cambiamenti precedenti:

Ø       le chiese sono deboli, divise e confuse; vasti settori del Corpo di Cristo non hanno più fiducia nell'identità di Dio, o in chi essi sono in Gesù Cristo, e ciò rende le Chiese male equipaggiate a rispondere alla più grande occasione che abbiano mai avuto. 

Pressioni in aumento 

Tra i cristiani vediamo aumentare le pressioni destinate a neutralizzare la loro efficacia sul mondo, a bloccare la loro testimonianza e ad impedire loro di proclamare che Gesù è il Signore.

Ø       Ad esempio, si fanno vari sforzi a livello nazionale e locale per introdurre all'interno dei sistemi scolastici nazionali un certo tipo di educazione sessuale. Un recente articolo sull'argomento dichiarava:

"La guida per il curriculum del sesso in una scuola elementare della mia città, specifica che: i bambini impareranno a capire l'omosessualità, a comprenderne il vocabolario, le mode sociali ad essa relative;

ne studieranno le teorie, vedranno dei film, giocheranno all'omosessualità e faranno delle prove al riguardo."

È questo il tipo di pensiero e di pressione che sta giungendo sulla nostra nazione.

Ø       Gruppi di persone che hanno respinto il Regno di Dio e l'insegnamento di Cristo cercano di costringere noi ed i nostri figli a vivere e a pensare in maniera ostile a Dio. Dicono: "I nostri programmi risolveranno i problemi della nazione," mentre

Ø      la verità è che la sola cosa capace di risolvere i problemi che la nostra società si trova oggi davanti è il pentimento e la fede in Gesù Cristo. 

Quello che vediamo oggi nel cristianesimo è ciò di cui Gesù ci ha avvertiti nella Scrittura: sorgeranno falsi profeti e confonderanno le distinzioni che Dio ha fatto nella Sua Parola, e i pastori abbandoneranno le loro responsabilità e staranno a guardare mentre il gregge diventa cibo dei lupi. È proprio ciò che sta accadendo oggi.

Ø       Milioni di cristiani stanno entrando sotto l'influenza di ideologie che non vengono da Dio, e che li allontanano dalla fiducia nella verità fondamentale del messaggio evangelico.

Ø       Questo tipo di confusione sta arrivando persino al cuore di alcune Chiese cristiane. 

Un ottimo esempio lo troviamo nella seguente dichiarazione fatta dal diacono della cappella presso il Mount Holyoke College, nel Massachusetts, apparsa sulla rivista "The Christian Century". Parlando della direzione che i cristiani dovrebbero prendere nel futuro, egli afferma:

 "Agli inizi degli anni 60 io … proposi che il cristianesimo togliesse l'enfasi dalle sue affermazioni di essere l'unica via, a favore di un vitale universalismo che mantenesse una relazione creativa e positiva tra le varie religioni del mondo … che le Chiese minimizzassero le affermazioni storiche del loro credo: la Trinità, la divinità di Cristo, eccetera e lavorassero all'abolizione del razzismo, ad una nuova dedizione alla giustizia e alla libertà umana e ad una maggiore comprensione tra i popoli di tutto il mondo… La maggior parte di questi scopi sono stati raggiunti. Nei giorni a venire, dovremmo porre una minore enfasi sul Gesù storico."

"Il cristianesimo non dovrebbe mai fare di Gesù un Dio. È semplicemente troppo assurdo credere che Dio abbia dato il Suo amore unicamente per mezzo di Gesù Cristo. Noi cristiani possiamo usare frasi del tipo: "cristianesimo anonimo" e "il Cristo cosmico", nel tentativo di rendere universale il cristianesimo, ma allora dovremmo anche considerare altri termini come "il Budda universale" o "la pluralità delle avatar (l'incarnazione indiana).

L'amore di Dio che abbraccia il mondo intero non può essere confinato in nessun personaggio storico particolare, Gesù incluso… Suggerirei di lasciar stare Gesù per un po' di tempo. Proprio come Egli disse ai Suoi discepoli; "È meglio per voi che Io me ne vada. Perché se non me ne vado, l'Avvocato non verrà a voi", così anche noi dobbiamo avere il coraggio di dire che è meglio che Gesù se ne vada, per il bene dell'amore di Dio." 

Incredibile, vero? Ma è proprio questo il tipo di spirito e di atteggiamento che oggi sta infettando i cristiani.

Ø       Pur essendo questa una dichiarazione  azzardatissima di un tale tipo di tendenza, gli atteggiamenti e le pressioni che stanno dietro a un tal modo di vedere le cose hanno inquinato più persone tra il popolo di Dio di quanto ci piacerebbe credere, causando in loro la perdita della fiducia nella verità della Scrittura e nella verità che Gesù sia davvero il Salvatore e Signore. 

Dio vede e interviene 

Credo che Dio stia facendo qualcosa per radunarci ancora tutti insieme, ed è proprio questo l'argomento che ora voglio trattare.

Ø       Cosa sta facendo Dio nei nostri riguardi? Perché oggi la gente si raduna da tutto il paese e da tutto il mondo? Che cosa sta facendo Dio, e quale dovrebbe essere la nostra risposta?

Ø       La storia dell'attività di Dio nel 20° secolo indica che Dio aveva visto come il Suo popolo fosse diviso e confuso e come proprio le fondamenta della fede cristiana fossero state annebbiate, e decise di intervenire.

Ø       All'inizio del  secolo, il 1° gennaio 1901, a Topeka, nel Kansas, un gruppo di fratelli protestanti che pregavano insieme e studiavano la Scrittura, chiese a Dio di effondere su di loro il Suo Spirito santo. In risposta Dio riversò il Suo Spirito su di loro, e riportò i doni carismatici nell'esperienza della vita dei cristiani.

Fu l'inizio della corrente Pentecostale classica.

Ø       Nello stesso giorno dell'effusione di Topeka, Papa Leone XIII scrisse una lettera a tutti i vescovi cattolici del mondo dove diceva: "Cominciate a pregare per una nuova effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa." Dette anche istruzioni perché i cristiani cominciassero a pregare contro le potenze del male. 

Nel 1957 o giù di lì, Dio cominciò a muoversi nelle principali Chiese protestanti, esse risposero con l'apertura, e fu stabilita una base.

Ø       Ora vi sono centinaia di migliaia di fratelli episcopali, presbiteriani, luterani e di altre denominazioni, che stanno sperimentando un vero rinnovamento della fede e dell'esperienza del Nuovo Testamento.

Ø       Nel 1967 tutti furono sorpresi (e noi cattolici più degli altri), quando milioni di cattolici in tutto il mondo cominciarono a sperimentare un rinnovamento carismatico della vita e della fede cristiana.

Ø       Nel 1979 vi erano già più di 50 vescovi cattolici personalmente coinvolti in questo moto dello Spirito, che rendevano testimonianza alla potenza di Dio e circa altri 400 che sostenevano pubblicamente il rinnovamento carismatico: un fatto significativo nella Chiesa Cattolica.

In una conferenza tenuta nel 1974 a Notre Dame, Dio cominciò a parlarci del Suo desiderio di riunire tute queste correnti di rinnovamento carismatico:

Ø       non intendeva che il Suo popolo fosse rinnovato separatamente. Il Suo ardente desiderio era quello di avere un popolo unito che Lo servisse sulla terra.

Ø       In risposta a quella parola, nel 1977 si radunarono a Kansas City 50.000 persone. Dio ci parlò e ci disse di essere contento che ci fossimo riuniti. Negli anni successivi a Kansas City vi sono stati altri grandi incontri ecumenici. 

Ma perché Dio sta effondendo il Suo Spirito Santo? Perché sta rinnovando e radunando il Suo popolo dalle diverse denominazioni? In tutta semplicità, io credo che Egli stia restaurando nel mondo la vita cristiana normale.

Ø       Moltissima gente guarda al rinnovamento carismatico e poi dice: "Ehi, ma è fuori dal normale!" Invece non è affatto anormale: dovrebbe essere quella la normalità. È ciò che Dio presenta nel Nuovo Testamento come cristianesimo di base. Ciò che è anormale è la presente situazione delle Chiese. In Apocalisse 3,15 Gesù ha detto:

"Conosco le tue azioni: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per sputarti dalla Mia bocca."

Questa è la parola che Gesù rivolge alle Chiese di oggi. Ci dice: "Forza e coraggio!" Essere tiepidi non è normale, e per Gesù è addirittura ripugnante. È una parola dura, ma è Parola di Dio. 

Diversi anni fa il Cardinal Suenens del Belgio radunò un gruppo di leader del rinnovamento carismatico per mettere insieme un quadro di cosa sia il cristianesimo normale nel Nuovo Testamento.

Ø       Conclusero che vi sono presentati quattro elementi fondamentali, che illustrano la vita cristiana normale: 

1.      Ogni cristiano dovrebbe avere una relazione personale con Gesù Cristo, quale suo Signore e Salvatore.

-          Ai nostri giorni gli agenti di Satana sono all'opera per portare i cristiani ad accettare un vangelo diverso.

Ø       Oggi sentiamo dire dalla gente che "Lo scopo del cristianesimo è lo sviluppo umano. Cristo è venuto ad aiutare gli uomini a risolvere i propri problemi psicologici, a raggiungere il proprio potenziale nelle relazioni interpersonali più importanti e a superare i propri sensi di colpa." Questa versione del Vangelo è assai comune nelle parti più ricche del mondo.

Ø       Nei paesi del Terzo Mondo, il Vangelo presentato nel passato recente insegnava che Cristo è venuto in primo luogo ad aiutare l'avvento della rivoluzione marxista; che Cristo è innanzi tutto interessato al benessere di classe, allo sviluppo politico ed economico e al cambiamento sociale. Ma queste sono entrambe gravi distorsioni del Vangelo.

Ø      La razza umana non può trovare la propria realizzazione o raggiungere il proprio destino se prima gli uomini non si sottomettono a Gesù Cristo. In Gesù Cristo Dio ha donato al mondo la salvezza. 

Talvolta la gente dice: "Non è leale: in Dio vi sono altre vie, ed io preferisco prenderne un'altra."

Ø       È incredibile poter mantenere un simile atteggiamento una volta che abbiamo capito la nostra vera posizione davanti a Dio. In noi stessi non abbiamo il potere di superare la morte o il peccato.

Ripetiamo "Pace, pace," e domani scoppia una guerra. I nostri sforzi personali non sono altro che futili tentativi. Come la Parola di Dio insegna, se Dio non interviene, non c'è speranza: tutto ciò che rimane è la morte.

Ø      In Gesù Cristo Dio ha stabilito il modo, la via per riconciliarci con Lui, per allontanare da noi la confusione ed essere liberati dalla schiavitù verso il nemico, al fine di risorgere con Gesù dai morti e vivere per sempre. Non vi è altra via.

Ø      La situazione in cui ci troviamo è stata causata da esseri umani che volevano , sì, avere una relazione con Dio, ma alle loro condizioni anziché alle Sue.

Ø      Ma il solo modo per essere riscattati dalla futilità della razza umana ci viene dall'accettare quanto Dio ci ha dato in Gesù Cristo. È questa la via stabilita da Dio. 

Oggi sulla terra vi è un'ostilità micidiale nei confronti del Regno di Dio, e la cosa va affrontata con coraggio.

Ø      Ad un mondo immersi nella ribellione dobbiamo proclamare: "Deponi le armi! Accetta i termini della pace che ci sono stati dati dalla Croce di Cristo. Riconciliati col Giusto Governatore dell'universo!

Ø      Non è vero che alla fine tutto risulterà in bene per tutti: la differenza sarà prodotta dalla posizione che gli esseri umani hanno assunto davanti alla Croce di Cristo.

Ø      La Scrittura dice che quanti rigettano Cristo saranno condannati, e in realtà sono già condannati dalla Parola di Dio.

Ø      Ma quanti si accostano nel pentimento alla Croce di Cristo, chiedendo perdono per essersi ribellati contro Dio, saranno perdonati, e il Padre li accetterà per la vita eterna. È questa la differenza.

Nell'annunzio che ci viene fatto della Parola di Dio è in gioco il destino eterno degli uomini, che sarà diverso quando essi si avvicinano a Gesù e chiedono perdono: una differenza eterna.

Ø      Senza una relazione con Gesù quale Salvatore, senza la sottomissione a Lui quale Signore, non vi è salvezza. Morirete nei vostri peccati. È una parola dura, ma è Parola di Dio. 

2.       La vita cristiana normale è la vita nello Spirito Santo.

-          È impossibile vivere una vita cristiana normale senza la potenza dello Spirito Santo. Sia nel Vecchio che nel Nuovo Testamento non vi è un limite da parte di Dio nei confronti del Suo popolo: nessun limite su come voglia muoversi ed agire col Suo popolo.

Ø       Quando Gesù entrò in Gerusalemme, la gente si eccitò e cominciò a dire: "Alleluia, lodiamo il Signore!" Alcuni vennero da Gesù e Gli dissero: "Maestro, fa' star calmi i Tuoi discepoli. Stanno facendo una commedia!" Ma Gesù rispose: "Se non gridassero loro, le stesse pietre Mi loderebbero!"

Ø      Perché i cristiani non gridano le loro lodi a Dio? Il loro Redentore è in mezzo a loro! Dio è degno di ogni lode e adorazione. Dice il Salmo: "Gridate al Signore. Gridate al Signore! Esprimete con forza al Signore la vostra allegrezza! Grida di gioia si innalzino nella tenda del giusto." Se noi non grideremo a nostra lode e adorazione, lo faranno le pietre!

Ø      Quando lodiamo Dio, lo facciamo per mezzo dello Spirito Santo, dato al popolo di Dio perché proclami il Suo Vangelo e Gli sia testimone, e per darci il potere di vivere la moralità cristiana in modo tale da non esserci di peso.

Senza l'azione e l'opera dello Spirito Santo nella nostra vita, non può esservi una vita cristiana normale. 

3.      La vita cristiana normale è una vita assieme agli altri.

-          Gesù è morto sulla Croce per radunare la famiglia di Dio, perché ci unissimo come fratelli e sorelle.

-          La gente parla della fratellanza esistente tra gli esseri umani, ma quella non è una cosa realizzabile. Infatti, ", la fratellanza non è cosa intrinseca nella razza umana, quando questa si trova ancora nella sua condizione "caduta". Solo la Croce di Cristo può togliere dai nostri cuori l'ostilità omicida, per poi poter vivere come fratelli.

Ø      Abbiamo bisogno di essere rinnovati, prima che la famiglia di Dio possa sperimentare la vita di una famiglia. Allora la razza umana potrà vedere la relazione di pace e di giustizia che Dio  intendeva dovesse esistere sulla terra.

Ø      Mettiamo prima le cose più importanti. Oggi il primo compito della Chiesa è quello di portare il popolo all'interno del Regno di Dio, affinché si possa stabilire tra loro una società di pace e di giustizia. Che significa questo per noi? Significa che

Ø      ciascuno deve stare in regolare contatto con gli altri cristiani che desiderino vivere una vita cristiana normale.

Ø      Avete bisogno di stare in contatto con altri cristiani che abbiano in sé un tale zelo per la casa del Padre che li consuma. Avete bisogno di trovare persone che vi incoraggino ad amare Dio con tutto il cuore, la mente, l'anima e le forze e a non pensare di essere pazzi perché cercate di dare a Dio tutta la vita. Avete bisogno di stare con persone che vogliano pregare, testimoniare e vivere una vita cristiana normale.

Altrimenti tutto quello che Gesù ha fatto sulla Croce, per noi sarebbe inutile! Egli vuole davvero farci sperimentare il frutto della Croce nella nostra vita, la vita nello Spirito santo, la vita cristiana normale! 

Alcuni dicono: "Sono entrato in una nuova relazione col Signore e nella mia vita accadono cose belle. Non voglio coinvolgermi troppo con altri cristiani."

Ø      E se vi dicessi che un giorno non ce la farete più da soli? E allora, avrete di che darvi da fare! Ma sarebbe davvero cosa saggia entrare ORA in quelle relazioni con altri cristiani, perché così potrete dedicarvi al servizio che il Signore intende darvi nel giorno che verrà.

Molti abbiamo relazioni con gli altri solo quando ce la sentiamo o quando possiamo ricavarne qualcosa. Ma Dio ci dice: "Cambiate! Passate dall'avere relazioni sulla base della convenienza personale, ad averle sulla base dell'impegno!" Allora, quando verrà il momento di fare quello che Dio ci chiederà, avremo il tipo di relazioni giuste per poterlo fare.

Ø      Dio vuole che possiamo dipendere dai fratelli cristiani impegnati con noi, e verso i quali anche noi siamo impegnati. Tutto ciò che è meno di questo, è cristianesimo subnormale, al di sotto del la norma.

Ø      La vita cristiana normale è una vita di relazioni impegnate con i fratelli che vogliono fare a Dio la loro vita e vogliono aiutare anche noi a farlo. 

4.      La vita cristiana normale è ricca di frutto.

-          L'amore di Dio nel nostro cuore e nelle relazioni trabocca in opere di carità e di misericordia. Nel cuore cresce la compassione, e possiamo aiutare e servire la gente.

-          Possiamo condividere la relazione col Signore, che significa vita o morte per le persone con le quali siamo in contatto.

La vita cristiana normale porta frutto. Dio vuole che la Sua Chiesa come cosa normale cresca di continuo e si espanda di giorno in giorno, mentre Egli aggiunge ad essa il numero di quelli che trovano la salvezza. 

Come dovremmo rispondere 

Vorrei concludere parlando di quale dovrebbe essere la nostra risposta.

Sulle nazioni occidentali giungono pressioni possenti da ogni parte, che pezzo per pezzo strappano via il tessuto cristiano della nostra società. Credo che nella società vi sia l'ascesa di una potente ostilità militante verso la vita e i valori cristiani.

Ø      Tutto ciò avviene sotto la falsa apparenza della dolcezza e della luce, ma si tratta di una maniera umanistica per risolvere i problemi sociali più gravi, che porterà probabilmente alla morte: l'aborto ne è un chiaro esempio. La saggezza che assume l'apparenza della luce, risulta poi tenebra. La saggezza che pareva venire dall'alto, risulta poi provenire dal basso.

Ø      La nostra società viene presa in giro, ingannata. Ingoia grandi cucchiaiate di saggezza che hanno la parvenza di venire dall'alto, ma che in realtà provengono dal basso, e producono frutti amari.

Vi è una vera e propria lotta per l'essenza del messaggio evangelico, che afferma che la Croce di Gesù Cristo è l'origine, la fonte di salvezza per la razza umana.

Ø      Quel Vangelo è sotto attacco, e vengono proclamati altri vangeli. E noi non saremo in grado di resistere contro queste forze del male, e di fare la nostra parte nel servire il Signore, se non saremo uniti.

Gesù ha detto: "Una casa divisa contro se stessa non potrà resistere." La casa cristiana è divisa contro se stessa, ma Dio ci sta radunando! 

Cosa possiamo fare in concreto? 

Credo che Dio abbia un piano, e che ci stiamo movendo verso uno scopo. Ma per noi è necessario essere liberi, per poter ascoltare la Sua voce. 

Vorrei chiedervi di fare due cose:

1.      Pregate regolarmente affinché Dio conceda potenza ai leader esistenti, e ne faccia sorgere di nuovi, capaci di dare una chiara indicazione al Suo popolo circa la direzione da prendere. Se la tromba emette un suono indistinto e poco chiaro, chi verrà, pronto per la battaglia?

-          Dalle Chiese cristiane oggi proviene un suono affatto chiaro, e noi non siamo pronti a combattere.

Dobbiamo chiedere a Dio di far sorgere dei leader, e di dare potenza a quelli esistenti, affinché si radunino ed emettano un suono chiaro, che avverta ed equipaggi il popolo cristiano per la battaglia già iniziata. 

2.      Abbiate una fiducia totale in Dio per i giorni a venire.

-         Diecimila potranno cadere alla tua destra, e mille alla tua sinistra, ma il Signore Dio è personalmente tra noi. È con voi nelle circostanze quotidiane della vita. 

Vorrei terminare attirando la vostra attenzione su un versetto della Scrittura, Romani 8,32: 

"È impossibile che Colui che non ha risparmiato il proprio Figlio, consegnandoLo per il bene di noi tutti, non ci dia anche le altre cose oltre questa." 

Dio Padre non Si è trattenuto dal donarci il Suo Unico Figlio quale offerta per il peccato, perché così potessimo essere riscattati e redenti.

Se Dio ha fatto una cosa simile, non vorrà anche darci qualsiasi altra cosa di cui abbiamo bisogno per procedere in tutto ciò che Egli intende fare per noi? Non mancherà di darcelo, e ce lo darà liberamente, e con certezza.

Il nostro è un Dio fedele, e sarà dalla nostra parte nei giorni che stanno per giungere. 

Fratelli e sorelle, siate anche voi dalla parte di Dio. State con Lui!

 



[i] New Wine, febbraio 1980